22:11 07 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
341
Seguici su

Era finta la pistola con cui i tre rapinatori hanno intimato al gioielliere piemontese di consegnargli i gioielli della sua attività commerciale. Ha scelto tra la sua vita o quella dei ladri, ha detto.

Era finta la pistola puntata dai rapinatori al gioielliere di Grinzane Cavour, lo hanno appurato i carabinieri analizzando l’arma.

Ieri il gioielliere aveva sparato alcuni colpi di arma da fuoco nei confronti dei ladri, mentre nel pomeriggio lo rapinavano per la terza volta. I precedenti nel 2019 e nel 2015, quando fu selvaggiamente picchiato prima di essere legato.

Questa volta è finita male per i ladri, che una volta colpiti hanno tentato comunque di fuggire. E mentre il primo si è trascinato per pochi metri prima di accasciarsi, il secondo è riuscito a compiere qualche passo in più. Inutili i soccorsi del 118, i due rapinatori erano già morti.

Il terzo, anch’egli ferito ma solo a una gamba, è scappato, ma in seguito si è presentato in ospedale a Savigliano dove è stato posto in stato di fermo.

Il gioielliere si è chiuso nella sua casa e ai cronisti ha detto che ha dovuto scegliere, o la vita sua e di sua figlia e di sua moglie che stavano con lui nella gioielleria, o quella dei tre banditi armati.

“Mi sono trovato di fronte a uomini armati e ho dovuto scegliere tra la mia vita e la loro”.

Su Facebook ha commentato la vicenda postando una citazione di albert Einstein: “Il mondo non è minacciato dalle persone che fanno il male, ma da quelle che lo tollerano”.

Secondo la prima ricostruzione, la moglie sarebbe stata anche colpita da un pugno, mentre la figlia sarebbe stata legata con fascette da elettricista. A quel punto i ladri si sono fatti consegnare i gioielli.

Nel momento in cui i ladri hanno tentato di appropriarsi anche del denaro presente nella cassa, il titolare ha reagito sparando con la pistola legittimamente detenuta, abbattendo due rapinatori e ferendone un terzo.

Identificati i rapinatori

Identificati i rapinatori alla gioielleria di Grinzane Cavour. I due rapinatori moti sono Giuseppe Mazzarino, di 58 anni, e Andrea Spinelli, di 45 anni, entrambi nativi di Bra ed entrambi pregiudicati con precedenti penali.

Il terzo, il rapinatore sopravvissuto, si chiama Alessandro Modica ed ha 34 anni, residente ad Alba. Lo riporta l'Ansa.

Le indagini proseguono, per ora il gioielliere non è indagato ma il timore è che venga incriminato per eccesso di legittima difesa.

Tags:
rapina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook