14:07 16 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
220
Seguici su

Bloccate i voli che provengono dall'India, questa la richiesta di Zingaretti che chiede anche maggiore coordinamento in Europa. I tamponi non bastano e per le centinaia che stanno arrivando, serve la quarantena in caserme.

Arrivano a migliaia dall’India dove la variante indiana del coronavirus in questi giorni ha messo in ginocchio il fragile sistema sanitario nazionale.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, chiede che vengano immediatamente bloccati i voli in arrivo dall’India e inoltre viene richiesta una quarantena di quelli che arrivano presso strutture apposito come caserme vuote.

“Dal punto di vista sanitario abbiamo attivato la struttura per i necessari controlli sui voli in arrivo dall’India all’aeroporto di Fiumicino”, spiega in una nota Zingaretti.

Tuttavia “solo oggi centinaia di passeggeri” sono atterrati dall’India a Roma. Per questo motivo Zingaretti ritiene sia “indispensabile attivare forme di quarantena controllata per gli arrivi e bloccare i voli dall’India sollecitando anche iniziative che coordinino a livello europeo gli arrivi”.

Bisogna quindi evitare che, una volta bloccati i voli India-Italia, questi passeggeri giungano nel nostro paese attraverso altre rotte.

L’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’ Amato, è stato anche più esplicito e drastico, così, oltre a ribadire la necessità di bloccare gli arrivi dall’India, “sono previsti due arrivi all’Aeroporto di Fiumicino e altri nei prossimi giorni” dice l’assessore, “è necessario che vengano fatte delle quarantene controllate, possibilmente in aree quali le caserme”.

Perché la questione è che il tampone che viene fatto all’aeroporto non basta, e questo perché il test in aeroporto fotografa la situazione sanitaria di quel momento e non quello che potrebbe accadere nei giorni successivi.

“Daremo, come sempre, tutta la nostra collaborazione alla Protezione civile nazionale e alle autorità di pubblica sicurezza, ma il tema va risolto a monte sospendendo, in questa fase, gli arrivi dall’India”, ribadisce ancora l’assessore D’Amato.

300 persone provenienti dall’India cercasi

Situazione delicata a Roma dove l’assessore afferma che sono “fortemente impegnati in una vasta indagine epidemiologica nel sud Pontino volta a tracciare almeno 300 casi giunti dall’India negli ultimi giorni”.

La risposta di Speranza

Lo scorso 25 aprile il ministro della Salute, Roberto Speranza, aveva firmato una ordinanza per vietare l’arrivo di chi aveva soggiornato in India nei 14 giorni precedenti l’atterraggio in Italia.

Tuttavia questo non ha fermato il flusso di arrivi in Italia dall’India, perché i voli aerei non sono stati interrotti.

Tags:
India, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook