15:41 06 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Nell'operazione sequestrati anche 700 chili di sigarette di contrabbando.

Sono nel complesso 15 le misure di custodia cautelare, di cui tre in carcere, poste in essere dai militari della Guardia di Finanza del comando provinciale di Palermo nell'ambito dell'operazione Duty Free. Lo riporta il Giornale di Sicilia.

Tutti gli indagati, fermati tra Palermo e Napoli, sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di sigarette e traffico di droga.

Gli inquirenti hanno inoltre posto sotto sequestro disponibilità finanziarie, un fabbricato, due magazzini, un appartamento, tre autovetture e tre moto per un valore complessivo di circa 1,5 milioni di euro, oltre a quasi 700 chili di sigarette.

Nell'indagine rientrano, oltre i fermati, altre 13 persone, per un totale di 28 coinvolti, di cui ben 19 risultano essere percettori del reddito di cittadinanza.

L'inchiesta, che ha preso le mosse nel novembre 2019 e si è conclusa nel maggio 2020 ha fatto emergere attraverso intercettazioni telefoniche ed ambientali e attività di videosorveglianza come le sigarette di contrabbando acquistate in Campania, venissero poi nascoste e stoccate in un magazzino affittato in zona corso dei Mille, a Palermo.

Per portare a destinazione i rifornimenti venivano utilizzate delle auto a noleggio, all'andata via nave e via terra al ritorno verso Palermo.

Con la pandemia di Covid, i malviventi avevano poi ideato un metodo decisamente ingegnoso, inviando le sigarette a Palermo attraverso una ditta di spedizione, ignara del traffico illecito, con i numeri di spedizione che venivano comunicati ad un uomo di fiducia, il quale a sua volta provvedeva a consegnarli.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook