13:45 09 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
110
Seguici su

Il meccanismo truffaldino è emerso al termine delle indagini degli inquirenti che hanno così potuto ricostruire il modus operandi dei furbetti.

Sono ben quattordici i dipendenti di "Calabria Verde", un'azienda in house della Regione Calabria, ad essere accusati a vario titolo, di truffa aggravata e continuata. Lo riferisce il Corriere della Calabria.

I militari della Compagnia Carabinieri di Rogliano, supportati da personale del comando provinciale carabinieri di Cosenza sin dalle prime luci dell'alba hanno preso parte ad un'operazione nei Comuni di Rogliano, Domanico, Figline Vegliaturo, Grimaldi, Marzi, Parenti, Paterno Calabro, Rende e Santo Stefano di Rogliano per notificare i  14 avvisi di conclusione delle indagini preliminari emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza nei confronti dei dipendenti.

L’operazione denominata, che ha assunto il nome di "Hall pass", ha permesso di smascherare i responsabili, che utilizzavano regolarmente il proprio badge di servizio facendo in modo che, in ragione della tipologia di “uscita” selezionata, l’orologio marcatempo non sottraesse il tempo trascorso all’esterno della sede dall’orario di lavoro.

Gli inquirenti sono così riusciti a ricostruire centinaia di ore di lavoro illecitamente sottratte alle mansioni d’ufficio, impiegate in pause e libere uscite mai giustificate,

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook