21:05 07 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
599
Seguici su

Il presidente di Federdistribuzione ha definito la scelta del governo inaspettata.

Rischia di saltare la riapertura dei centri commerciali nel fine settimana, inizialmente prevista dal decreto che sarebbe dovuto entrare in vigore a partire dal 15 maggio.

Nel testo ufficiale, giunto sulla Gazzetta Ufficiale, non è più presente il riferimento alle riaperture dei centri e dei parchi commerciali nel week end.

Il presidente di Federdistribuzione Alberto Frausin, che ha reso nota la notizia all'ANSA, ha definito tale scelta "inaspettata e senza alcuna spiegazione".

"Prendiamo atto che la riapertura dei centri commerciali durante il fine settimana è stata cancellata, senza alcuna spiegazione - afferma Frausin - Non possiamo accettare che le aziende del commercio, che hanno sempre risposto con responsabilità durante tutte le fasi dell'emergenza pandemica, non abbiano una prospettiva certa sulla data di riapertura dei punti vendita, a differenza di tutti gli altri settori", ha sottolineato Frausin.

Il nuovo decreto Covid

Nella serata di mercoledì è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il nuovo decreto anti-Covid, che sarà valido dal 26 aprile al 31 luglio.

La nuova legge prevede il ripristino delle zone gialle e l'arrivo del green pass per gli spostamenti tra le Regioni. In zona gialla e arancione vengono permesse visite ad amici o parenti in una abitazione privata per un massimo di quattro persone.

Resta tuttavia il coprifuoco dalle 22 alle 5, anche nelle Regioni a più basso rischio.

Sempre in zona gialla, nelle Regioni che vi rientrano riapriranno i ristoranti a pranzo e cena ma solo all'aperto. Riaprono anche cinema, teatri, sale concerto, live club - con capienza al 50% (e comunque non oltre i 500 ingressi al chiuso e i 1000 all'aperto), posti a sedere preassegnati a distanza di un metro l’uno dall’altro. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook