09:59 18 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
204
Seguici su

La ragazza, che a 17 anni ha scoperto di avere la leucemia e ha cominciato i trattamenti, aveva richiesto di poter fare la dad senza l'uso della telecamera. Ora i genitori hanno presentato un esposto al Ministero.

La vicenda si è svolta in un istituto superiore di Ottaviano (Napoli) lo scorso febbraio, dove la studentessa frequenta il quarto anno di scuola. La ragazza, che a 17 anni è stata diagnostica con la leucemia, nonostante le cure chemioterapiche ha continuato a frequentare la scuola tramite didattica a distanza, riporta il quotidiano Metropolis.

La richiesta della studentessa era quella di seguire le lezioni senza l'ausilio della fotocamera, tuttavia durante una lezione il preside è intervenuto e ha rimproverato la ragazza.

Di risposta i familiari della ragazza hanno fatto un esposto al ministero dell'Istruzione e alla direzione scolastica regionale.

La versione del legale della famiglia

Secondo quanto raccontato dall'avvocato Maria Spina, rappresentante della famiglia, il dirigente scolastico era intervenuto durante una delle lezioni per verificare il comportamento degli alunni e ha chiesto alla studentessa di uscire dalla piattaforma perché le regole prevedono l'accensione della telecamera, nonostante quest'ultimo fosse informato sullo stato di salute della 17enne.

"Io non posso sapere se lei attualmente si trova al bar o realmente a casa" aveva detto il preside alla ragazza.

L'esposto è stato inviato circa un mese fa, al momento non è stata data una risposta alla famiglia.

"Il dirigente scolastico ha disatteso le più elementari norme alla base della comunità scuola che prima di tutto ha il dovere dell'accoglienza e la funzione di sostenere un processo di adattamento della giovane alla nuova condizione di vita" ha dichiarato il legale Spina.

Lezione in una delle scuole a Roma dopo la riapertura, Italia
© AP Photo / Alessandra Tarantino
Lezione in una delle scuole a Roma dopo la riapertura, Italia

Ripresa delle lezioni in presenza

Da lunedì 12 aprile sono riprese le lezioni in presenza per 6,5 milioni di studenti italiani, dalla scuola d'infanzia fino alla secondaria di primo grado. Con le ulteriori decisioni prese dal premier Draghi sulle riaperture, dal 26 aprile le scuole di ogni ordine e grado riapriranno completamente in presenza nelle zone gialle e arancioni.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook