22:57 14 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
120
Seguici su

Dopo le proteste del movimento #ioapro, di ristorator, ambulanti e partite Iva e dei dipendenti di Alitalia, si mobilitano i lavoratori dello spettacolo con l'evento Mille bauli in piazza, collegato ad una campagna internazionale del movimento We make Event.

Mille bauli in piazza del Popolo a Roma per la manifestazione dei lavoratori dello spettacolo che chiedono un sostegno per un settore paralizzato da quasi un anno per le restrizioni contro il Covid-19. Autori e tecnici, fonici e facchini, assistenti di produzione hanno aderito alla mobilitazione internazionale lanciata dal movimento britannico We make Events, portando con sé i bauli, simbolo della protesta di un settore. 

In piazza sono intervenuti anche vip del calibro di Paola Turci, Fiorella Mannoia, Max Gazzé, Daniele Silvestri e i Negrita, per manifestare solidarietà a chi lavora dietro le quinte.

​Le richieste dei lavoratori

Per i lavoratori dello spettacolo il programma di riapertura dal 26 aprile è insufficiente a risollevare un settore che annaspa e che dovrà continuare a lavorare fra mille difficoltà, dovute alle restrizioni e alle regole anti-contagio. 

Le richieste del movimento sono: 

  • l’immediata istituzione di un fondo da erogare in soluzioni mensili a tutte le lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo ed eventi, sia discontinui che partite iva, che coprano il periodo gennaio-dicembre 2021, per garantire una soglia minima di continuità di reddito;
  • l’immediato sostegno economico per le imprese della filiera basato sul fatturato annuo legato a spettacolo ed eventi;
  • l’immediata calendarizzazione di un tavolo interministeriale per impostare su parametri prestabiliti deimodelli graduali di ripartenza del settore;
  • l’immediata calendarizzazione di un tavolo interministeriale per una riforma del settore con particolare riferimento alla previdenza e all’assistenza delle lavoratrici e dei lavoratori.
“Il gioco a rimpiattino dei vari governi e del ministro Franceschini nei confronti della nostra categoria, ha la grave responsabilità di portare le persone alla disperazione e quindi alla rabbia il tempo della farsa è finito e anche la nostra pazienza”, affermano gli organizzatori dell'evento. 

Il calendario di riaperture prevede la ripartenza per cinema, teatri ed eventi, privilegiando le attività culturali che si tengono all'aperto e nel rispetto delle misure di sicurezza, come il distanziamento e l'utilizzo delle mascherine. La proposta di un pass annunciato ieri dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, potrebbe riservare la partecipazione agli eventi a chi dimostra di essere negativo o immunizzato al Covid-19.

Tags:
Coronavirus, Roma
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook