20:38 07 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Il riscontro di casi di contagio tra esseri umani e gatti ha portato gli scienziati a iniziare la sperimentazione di possibili vaccini per immunizzare gli animali domestici, anche a fronte delle diverse varianti del virus emerse dopo i contagi.

Risultati incoraggianti della sperimentazione di fase 1 del vaccino anti Covid-19 per i gatti, realizzato dall'azienda italiana Evvivax e testato negli USA in collaborazione con l'azienda americana Applied DNA Sciences.

Negli animali trattati si è osservata la formazione di anticorpi dopo una singola somministrazione di un DNA sintetico lineare, ha riportato all'ANSA Luigi Aurisicchio, amministratore delegato e direttore scientifico delle aziende biotech Takis ed Evvivax. Gli scienziati attendono i risultati della seconda inoculazione già a fine aprile.

"E' un risultato molto positivo, che valida la tecnologia alla base del vaccino. Il disegno molecolare è lo stesso per il vaccino destinato all'uomo e in fase di sperimentazione con un'altra azienda italiana, la Rottapharm Biotech", ha commentato Aurisicchio. Il risultato ottenuto "è la prima vera dimostrazione di principio che un vaccino genetico basato sulla tecnica sull'elettroporazione del DNA stimola risposta immunitaria". Con questa tecnica, il vaccino viene iniettato nel muscolo e un piccolo impulso elettrico ne facilita l'assorbimento nelle cellule in modo da attivare il sistema immunitario.

La sperimentazione di un vaccino per i gatti deriva dai casi di contagio fra persone e gatti osservati, ma anche a fronte delle varianti di coronavirus emerse dopo il contagio di gatti e altri animali, come i topi.

Si prevede inoltre di iniziare le sperimentazioni del vaccino sui visoni, nei quali il virus Sars-CoV2 si diffonde facilmente, al punto di avere causato epidemie che hanno portato all'abbattimento di molti animali negli allevamenti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook