22:09 12 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
Di
6114
Seguici su

L'iniziativa, alla quale avrebbero già aderito circa 300 persone, è stata organizzata da Nicola Franzoni, ristoratore di Marina di Carrara per protestare contro chiusure, mascherine e vaccini: "Il Covid? Non esiste".

“Il Covid non esiste ed è nostro interesse riaprire al più presto locali e attività. Di questo passo il prossimo anno ci saranno 10 milioni di disoccupati e 20 milioni di nuovi poveri". Sono le parole di Nicola Franzoni, esponente dell’estrema destra toscana, animatore delle proteste dei gilet arancioni e fondatore del movimento Onda Popolare.

Per il prossimo 8 maggio ha chiamato a raccolta centinaia di negazionisti del virus e no vax che, secondo quanto riferisce La Nazione, si riuniranno a Marina di Carrara per la prima assemblea italiana dei Covid-scettici.

L’attivista, che è già stato denunciato e sanzionato in più di un’occasione per assembramenti nei locali della movida di cui è titolare, ospiterà all’interno del suo Bar Giardino, nella cittadina toscana, circa 300 persone per manifestare la propria contrarietà a mascherine, vaccini e lockdown. Il preavviso della manifestazione sarebbe già stato protocollato in questura.

Imprenditore e titolare di tre locali, Franzoni nel 2012 si è candidato sindaco a Carrara con il movimento di Gianfranco Fini, Futuro e Libertà. Recentemente è finito sulle cronache dei quotidiani per la sua partecipazione alle proteste dei gilet arancioni e per aver organizzato una improvvisata "marcia su Roma". Sentito dalla Nazione, promette “adesioni da tutto il Paese”.

Ma è già polemica sull’evento, sul quale hanno acceso i riflettori le forze dell’ordine, per capire se la manifestazione si possa svolgere nel rispetto delle norme anti-contagio, anche se si terrà in uno spazio privato.

Secondo il leader della formazione i numeri della pandemia sarebbero sovradimensionati e i “decessi registrati come Covid dovuti ad altri motivi”. Insomma, la pandemia che ha sconvolto le nostre vite da oltre un anno non sarebbe altro che un grande “bluff”.

L’attivista, inoltre, spiega al quotidiano toscano di voler “costituire un tribunale popolare dove i cittadini giudicheranno i governanti ed emetteranno avvisi di garanzia contro chi ci governa".

A gennaio Franzoni aveva aderito all’iniziativa di Io Apro sfidando i decreti e aprendo le porte del suo locale per servire la cena ai clienti. L’imprenditore era stato sanzionato con una multa da 400 euro.  

Correlati:

Austria: negazionisti del Covid protestano a Vienna
Papa Francesco: "Negazionismo suicida, il vaccino non è un'opzione ma un'azione etica"
Indagati negazionisti che inseguirono ambulanza perché accusata di girare a vuoto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook