18:33 17 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
120
Seguici su

Scoperta una maxi truffa ai danni del Policlinico Giaccone di Palermo, perpetrata per anni grazie ad un ex funzionario corrotto con decine di migliaia di euro in tangenti versate.

La Guardia di Finanza di Palermo, in collaborazione con i Carabinieri del NAS, hanno eseguito una ordinanza di arresti domiciliari, emessa dalla Procura della Repubblica di Palermo, nei confronti di un ex segretario del Dipartimento dei servizi centrali del Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo, e nei confronti di un ex rappresentante legale di una Cooperativa sociale.

Secondo le indagini i due soggetti sono accusati di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio. Nell’inchiesta sono coinvolte altre tre persone,

Il Gip del tribunale di Palermo ha disposto anche il sequestro preventivo di 260 mila euro, considerato il profitto della corruzione.

L’indagine è scattata su segnalazione dell’Azienda ospedaliera che aveva evidenziato gravi anomalie nella gestione del servizio di trasporto ammalati all’interno dell’ospedale.

La corruzione

Secondo le indagini l’ex funzionario pubblico aveva attestato la conformità delle fatture rilasciate dalla società nonostante fossero prive dei documenti e delle informazioni previste dal capitolato speciale d’appalto, con particolare riguardo all’indicazione specifica dei servizi resi e nonostante fossero stati addebitati all’ente pubblico costi inerenti al personale già compresi nelle prestazioni remunerate.

L’azienda ospedaliera ritiene che a causa di questa condotta, è stata costretta a sborsare un maggiore costo pari a 3.367.800 euro.

L’ex funzionario pubblico riceveva 130 mila euro come corrispettivo per la sua infedeltà. La somma veniva corrisposta attraverso sofisticati stratagemmi usati per “schermare” gli illeciti flussi finanziari.

80 mila euro ad esempio, sono stati versati dalla società cooperativa all’ex funzionario infedele, attraverso un bonifico che voleva fittiziamente coprire una potenziale controversia di lavoro per una prestazione irregolare svolta dal funzionario nei confronti della società. Ma la prestazione non è mai avvenuta davvero.

Tags:
corruzione
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook