09:35 18 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
115
Seguici su

Nel pomeriggio di sabato 10 aprile nella periferia di Milano oltre 300 ragazzi si sono riuniti senza distanziamento per registrare un video rap. All'arrivo delle forze dell'ordine è scattato lo scontro tra la Polizia ed i giovani.

Un gruppo di oltre 300 ragazzi si è riunito oggi pomeriggio in via Micene, alla periferia di Milano, per la registrazione di un video rap senza rispettare alcuna regola di distanziamento sociale. Durante le riprese del videoclip di Neima Ezza, diversi ragazzi di età compresa tra i 16 ed i 20 anni sono saliti sulle auto e hanno cominciato a saltare.

"Sabato pomeriggio a Milano, la Polizia di Stato è intervenuta in via Micene dopo aver ricevuto la segnalazione di una folla di giovani ragazzi che si era ivi radunata verso le ore 17.30" si legge nella ricostruzione della Questura.

Sul posto sono state inviate cinque squadre del Reparto Mobile della Polizia di Stato e del Battaglione dell’Arma dei Carabinieri al momento impegnate in città in servizi anti-assembramento.

"All’arrivo delle squadre di ordine pubblico circa 300 giovani tra i 16 e i 20 anni, che dalla visone delle telecamere si erano ritrovati in occasione delle riprese video di un rapper ed erano saliti sulle auto in sosta cantando e saltando, si sono inizialmente dati alla fuga in direzione di piazzale Selinunte per poi compattarsi e iniziare un lancio di pietre, bastoni e bottiglie verso i poliziotti che sopraggiungevano" afferma il comunicato della Questura.

Inizialmente i ragazzi sono scappati verso piazzale Selinunte, dove poi è iniziata una sorta di guerriglia tra le forze dell'ordine ed i giovani. Questi ultimi hanno lanciato pietre, bastoni e bottiglie contro gli agenti gridando alle autorità di andarsene. Una volta dispersi i giovani con il lancio di un lacrimogeno, la Questura ha mantenuto un presidio di polizia sul posto.

Chi è Neima Ezza

Neima Ezza, rapper nato in Marocco, è cresciuto nel quartiere milanese dov'è avvenuto questo episodio. Sin dai suoi esordi nel 2018 racconta nelle sue canzoni il disagio delle periferie milanesi e si è fatto conoscere in particolare con i brani "Essere ricco" e "Amico".

A fine marzo a Milano è stato chiuso l'idroscalo per evitare ulteriori assembramenti durante il periodo delle vacanze pasquali.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook