19:42 18 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
2110
Seguici su

Oggi alle 18.45 nel corso di una tramissione del primo canale russo sarà resa nota l'eventuale compatibilità sanguigna tra Denise Pipitone e Olesya Rostova.

La documentazione relativa ad Olesya Rostova, la giovane 20enne che si ipotizza potrebbe essere Denise Pipitone, la bambina che 17 anni fa scomparve da Mazara del Vallo, è stata consegnata alla Procura di Marsala.

A confermarlo è stato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, la madre della piccola scomparsa quel 1° di settembre:

"Questa mattina sono andato in Procura a Marsala a depositare tutta la a documentazione su Olesya, che mi è arrivata ieri pomeriggio via mail dal suo legale russo, poco prima di registrate la trasmissione. Di più non posso dire", ha riferito l'avvocato ad Adnkronos.

Quest'oggi per le 18.45 è attesa la trasmissione della nuova puntata del talk show del primo canale russo, nel corso della quale sarà reso noto l'esito dell'esame del sangue, in seguito al quale potrebbe essere avviata la procedura per il test del DNA che potrebbe accertare in maniera definitiva la reale identità di Olesya Rostova.

"Ho preso l'impegno con i legali russi a non rivelare nulla prima di oggi pomeriggio sull'esito degli esami del sangue che potrebbero dimostrare la compatibilità con quelli di Denise", ha concluso Frazzitta.

La storia di Olesya Rostova

Olesya è stata intervistata dalla emittente russa Perviy Kanal, dove la giovane ragazza ha raccontato di essere stata sottratta dalla polizia ad una zingara che l’aveva rapita da bambina.

La polizia stabilì che la bambina fosse stata rapita da un orfanotrofio, tuttavia della piccola Olesya non sono mai stati rinvenuti i documenti dagli inquirenti russi.

A determinare l’associazione tra Olesya e Denise, oltre a una certa somiglianza del volto, c'è anche l'elemento anagrafico. L'età di Olesya, stabilità con un test sulle ossa delle mani, è 20 anni: la stessa età che dovrebbe avere oggi Denise Pipitone.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook