06:52 17 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Anche il lunedì di Pasquetta in molti lo passano in casa, ed è boom di food delivery alle famiglie italiane in sostituzione della classica uscita al ristorante.

Stando ai dati della Coldiretti, quest'anno 1 milione di italiani hanno dovuto rinunciare alla classica scampagnata all'aperto e al giro in agriturismo che caratterizzavano il periodo di Pasqua e Pasquetta, viste le vigenti restrizioni sugli spostamenti e sulle chiusure del servizio al tavolo dei punti ristorazione.

Soltanto il 9% degli italiani ha approfittato delle poche deroghe del decreto per visitare i parenti, mentre l'84% è rimasto in casa per il Lunedì dell'Angelo.

In mancanza della possibilità di uscire, è stato registrato un boom di ordinazioni online, soprattutto da agriturismi e trattorie. Il settore del food delivery ha visto un incremento di ben il 19% nell'ultimo anno, responsabile il lockdown da pandemia, arrivando a un valore di oltre 706 milioni di euro.

Il servizio di delivery online ha permesso a molte attività di ristoro, specialmente agli agriturismi, di affrontare e superare il periodo di crisi e mandare avanti i propri affari. Come ha sottolineato la Coldiretti, sono ben 5,6 milioni gli italiani in povertà assoluta, con nuovi poveri tra chi ha perso il lavoro e chi è stato costretto a chiudere la propria attività.

"A portare serenità sulle tavole di 20mila famiglie è stata l’iniziativa Filiera Italia e Campagna Amica, con l’offerta di un pacco di oltre 50 chili con prodotti 100% Made in Italy", ha scritto la Coldiretti. "Per sostenere il lavoro e l’economia del territorio nazionale il 95% degli italiani ha deciso di scegliere prodotti italiani".

Tra i piatti più ordinati di Pasquetta, lasagne, salumi, formaggi, uova sode e le tradizionali grigliate in giardino (o sul balcone). Non mancano anche ratatouille, polpette, frittate, macedonia e la classica colomba farcita da creme realizzate con la "cucina del giorno dopo" per ridurre gli sprechi in un momento di difficoltà. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook