19:18 18 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
16019
Seguici su

Un'insegnante 32enne di Genova ricoverata all’ospedale San Martino è morta a seguito di un'emorragia cerebrale, dovuta ad una trombosi. In data 22 marzo aveva ricevuto la prima dose del siero anti-Covid AstraZeneca.

In una diretta Facebook il governatore della Liguria Giovanni Toti ha commentato la tragica notizia della morte della giovanissima insegnate di Genova per emorragia cerebrale, dopo che circa 2 settimane fa le era stata somministrata la prima dose del siero anti-Covid della casa farmaceutica anglo-svedese. In primo luogo Toti ha voluto esprimere cordoglio e vicinanza ai familiari della giovane.

"Fatemi dare un abbraccio ai familiari di quella ragazza che non ce l'ha fatta al San Martino, morta per una trombosi di emorragia cerebrale".

Il governatore ha sottolineato che le autorità locali hanno provveduto a segnalare il caso alla farmacovigilanza dell'agenzia italiana, responsabile del monitoraggio dei vaccini e dei farmaci in commercio nel territorio nazionale.

In prima analisi, secondo Toti, i medici hanno escluso una correlazione diretta tra il decesso della giovane insegnante e il vaccino. Allo stesso tempo ha evidenziato che della questione se ne deve occupare l'Aifa.

"E' successo ieri, ovviamente ci saranno le analisi del caso. Ogni settimana Aifa vigilia su tutti i casi di AstraZeneca nel territorio nazionale per capire se ci sono nessi... Sarà l'agenzia italiana del farmaco che vigila su tutti noi e sulle medicine a dirci cosa è successo e quale nesso potrebbe esserci".

In precedenza oggi all'ospedale San Martino di Genova è deceduta a 32 anni un'insegnante del capoluogo ligure. La causa di morte per i medici è dovuta ad un'emorragia cerebrale per una trombosi.

Lo scorso 22 marzo aveva ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca.

Dopo una prima sospensione in diversi Paesi europei a metà marzo, le vaccinazioni con AstraZeneca sono riprese sulla scia delle raccomandazioni favorevoli dell'Oms e dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

AstraZeneca deve ora far fronte a un sentimento di sfiducia nei suoi confronti, che potrebbe spiegare il suo recente cambio di nome.

Tags:
Coronavirus, vaccino, Liguria, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook