02:00 20 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Pronti ad una seconda Pasqua trascorsa in lockdown, gli italiani rimasti in Italia dovranno trascorrerla in casa e con pochi parenti intimi.

Nei giorni 3, 4 e 5 aprile tutta l’Italia sarà accomunata dalle stesse medesime regole contro il contagio. Tutta l’Italia è cioè passata da oggi, sabato 3 aprile, in zona rossa e lo sarà fino a lunedì 5 aprile compreso.

Si tratterà comunque di una zona rossa meno restrittiva rispetto a quella solita, infatti sarà consentito alle persone di fare visita ad amici e parenti una volta sola al giorno, spostandosi verso un’altra abitazione privata. Spostamenti però validi solo all’interno della stessa regione di residenza.

Sarebbe ammesso anche il raggiungimento della seconda casa. ma molte regioni hanno vietato sulla carta ogni tipo di spostamento verso seconde case.

Restano possibili gli spostamenti per fare la spesa, per acquistare giornali, per andare in farmacia, e per acquistare beni necessari per la vita quotidiana. Inoltre è possibile andare in vacanza all’estero, anche se si deve prendere un volo aereo in uno scalo aeroportuale fuori dalla propria regione di residenza. Al rientro in Italia prevista una “quarantena” di 5 giorni.

Sono invece vietate le vacanze in Italia. Non sarà quindi permesso recarsi in vacanza in una città d’arte, di montagna o di mare, né nella propria regione, né in un’altra regione. Non è consentito agli italiani che restano in Italia, inoltre, di fare pic-nic in parchi, boschi, o altri luoghi all’aperto.

L’attività motoria è consentita, così come è consentita l’attività sportiva abituale svolta in forma individuale. Bisognerà svolgere tali attività in prossimità della propria abitazione e non allontanarsi troppo da casa.

Necessaria l’autocertificazione, ma se si dichiara il falso non si incappa in dichiarazione mendace e non è quindi penalmente perseguibile.

Liturgie cristiane

I credenti potranno recarsi nelle chiese più vicine alla propria abitazione, per seguire le liturgie pasquali. Tutte le liturgie, tuttavia, sono state anticipate per rispettare il coprifuoco delle ore 22.00 che permane in vigore anche in questi giorni di festa.

Tags:
Pasqua
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook