01:37 17 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
203
Seguici su

Un 51enne è stato arrestato a Roma per tentata estorsione. L'uomo, che doveva a due proprietari di un terreno un risarcimento di 480mila euro, aveva inviato loro due teste di capretto insanguinate avvolte nel cellophane.

I protagonisti della vicenda sono due proprietari di un terreno sul quale l'uomo di 51 anni, imprenditore calabrese, aveva costruito dei villini e non aveva ottemperato agli obblighi contrattuali.

In seguito alla disposizione, da parte del tribunale civile romano, di risarcire i due proprietari con la titolarità di tre villini e un risarcimento di 480mila euro, l'uomo ha deciso di inviare a questi ultimi due pacchi con dentro teste di capretto, insanguinate e avvolte nel cellophane.

Dopo la denuncia da parte dei due proprietari, un pensionato e suo figlio, l'uomo è stato arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso in concorso con altre persone non identificate.

© Sputnik
Un capretto

Atti minatori già effettuati negli anni precedenti

Dalle indagini effettuate dagli agenti della Squadra Mobile di Roma e Catanzaro è emerso che nel 2018 l'imprenditore si sarebbe recato nello studio legale che seguiva la procedura avviata da padre e figlio proponendo 150mila euro per chiudere la controversia. 

Nel 2019 l'imprenditore avrebbe addirittura fatto recapitare a una delle vittime anche una lettera anonima dal contenuto minatorio e con un chiaro riferimento a possibili atti lesivi nei confronti suoi e della sua famiglia.

Nel mese di febbraio a Lodi i Carabinieri di San Donato Milanese e gli agenti della squadra mobile di Lodi hanno arrestato sei persone ritenute responsabili di 17 rapine, furti ed estorsioni, tra giugno e dicembre 2020.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook