00:15 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
401
Seguici su

Nell'udienza della Settimana Santa tenuta alla vigilia del Triduo pasquale, Papa Francesco si è rivolto ai fedeli ricordando le difficoltà della pandemia di Covid-19 e la sofferenza dei popoli colpiti dalle calamità.

"Non dimenticare i tanti, troppi crocifissi di oggi", questo che il Papa rivolge ai fedeli durante l'udienza della Settimana Santa in vista del Venerdì di Pasqua, il giorno in cui si celebra la passione di Cristo. 

"Sono l’immagine del Crocifisso: Gesù, e in loro è Gesù", prosegue Francesco. 

Alla vigilia del Triduo pasquale, la celebrazione dei Mistero della morte e resurrezione di Gesù, il pontefice ha ricordato che questa sarà la seconda Pasqua in pandemia

“Cari fratelli e sorelle, anche quest’anno vivremo le celebrazioni pasquali nel contesto della pandemia", ha detto.

Bergoglio ha poi ricordato la sofferenza dei popoli e delle famiglie dovuta alle calamità e alle guerre. 

"In tante situazioni di sofferenza, specialmente quando a patirle sono persone, famiglie e popolazioni già provate da povertà, calamità o conflitti, la Croce di Cristo è come un faro che indica il porto alle navi ancora al largo nel mare in tempesta. La croce di Cristo è il segno della speranza che non delude; e ci dice che nemmeno una lacrima, nemmeno un gemito vanno perduti nel disegno di salvezza di Dio”, queste le parole con cui il Papa ha concluso la catechesi dedicata ai riti centrali della Settimana Santa. 

 

Tags:
pasqua, Papa Francesco, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook