02:18 17 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
Di
335843
Seguici su

Ieri il premier Mario Draghi ha annunciato che il governo sta lavorando ad un decreto che impone la vaccinazione anti-Covid ai medici che lavorano in prima linea negli ospedali e l'introduzione di uno "scudo penale" per i vaccinatori. Il presidente dell'ordine dei medici, Filippo Anelli: "Siamo d'accordo".

Un decreto per obbligare i medici che lavorano in corsia e a stretto contatto con i pazienti a vaccinarsi contro il Covid. È questa l’idea del governo Draghi, alla quale starebbe lavorando il Guardasigilli, Marta Cartabia, per risolvere la questione dei medici no-vax.

Ad annunciarlo, ieri, durante la conferenza stampa con il ministro della Salute Roberto Speranza a Palazzo Chigi, è stato proprio lo stesso premier. “Non va bene che operatori sanitari non vaccinati siano a contatto con malati”, ha detto Mario Draghi, dopo i casi di focolai scoppiati in alcuni ospedali ed Rsa.

Nei giorni scorsi ad invocare un intervento da parte del governo era stato il governatore ligure Giovanni Toti, dopo i casi di contagio in un reparto dell’ospedale San Martino di Genova dove tra i positivi c’era anche un’infermiera che aveva rifiutato di vaccinarsi, nel reparto di Medicina dell’ospedale di Lavagna e in una Rsa a Tiglieto, in provincia di Genova, dove il virus è stato portato da due operatori.

Ieri un nuovo caso di diffusione del virus al Galliera che ha coinvolto anche un’operatrice sanitaria no-vax, anche se in questo caso, secondo l’ospedale, citato dall'Ansa, ad innescare il contagio sarebbe stato un paziente positivo arrivato al pronto soccorso.

Finora, ha chiarito ieri il ministro Speranza, la quota di medici e infermieri che ha rifiutato la somministrazione del vaccino è stata “minimale”. Il governo in queste ore sta cercando di quantificarla per predisporre un intervento legislativo ad hoc. I ministeri coinvolti sono quelli di Giustizia, Sanità e Lavoro. L’idea, per evitare una raffica di ricorsi, come si legge su Skytg24, più che il licenziamento è quella di un cambio di mansioni per chi non vuole saperne di vaccinarsi.

Nel decreto, secondo le indiscrezioni, potrebbe essere incluso anche uno “scudo penale” per il personale sanitario che somministra i vaccini, oltre che un’estensione degli indennizzi per chi riporta danni permanenti legati alla somministrazione del rimedio anti-Covid.

A plaudere alla decisione del governo è il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli. “Vaccinarsi è, per un medico, un dovere deontologico e anche un requisito per poter lavorare in prima linea, accanto ai pazienti”, fa sapere in una nota.

“L’introduzione dell’obbligo non può che trovarci d’accordo”, ribadisce, aggiungendo di apprezzato la decisione di mettere a punto “una sorta di scudo penale per i professionisti che vaccineranno”.

“Crediamo anzi – rilancia il presidente della Fnomceo - che l’intervento normativo debba riguardare il trattamento complessivo del Covid, tutelando tutti i professionisti che si sono spesi per curare una malattia praticamente sconosciuta, anche a costo della loro stessa vita”.

“Soprattutto all’inizio, - ha spiegato - i medici hanno dovuto curare il Covid senza l’aiuto di solide evidenze scientifiche o di linee guida. È necessaria ora una norma che li esima da responsabilità derivanti dal trattamento di una malattia praticamente sconosciuta”.

“I medici – conclude - hanno ottemperato al dovere di vaccinarsi, salvo sporadiche eccezioni. Ora serve assicurare serenità ai professionisti della salute approvando una norma che li esima da responsabilità derivanti dal trattamento di una malattia praticamente sconosciuta sino a qualche mese fa come il Covid e dalle conseguenze, anche se rare, della vaccinazione”.

D'accordo con l'introduzione di un obbligo a vaccinarsi per gli operatori sanitari anche il segretario nazionale del sindacato Anaao Assomed, Carlo Palermo, che però si dichiara contrario "al licenziamento del medico che non vuole vaccinarsi".

"Il licenziamento - ha spiegato all'Adnkronos - sarebbe una misura estrema con qualche dubbio di legittimità" e che rischia di "sguarnire gli organici già all'osso".

Correlati:

Draghi, su sanitari no vax promette norma apposita
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook