02:56 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (266)
142
Seguici su

Secondo quanto riportato dall'Ansa, l'Istituto russo Gamaleya, sviluppatore del primo vaccino anti-Covid registrato al mondo, dovrebbe avviare una collaborazione anche con l'Istituto Sacco di Milano.

Emergono ulteriori dettagli sull'avvio della collaborazione scientifica tra l'Istituto Spallanzani di Roma e l'Istituto Gamaleya della Federazione Russa in relazione al vaccino anti-Covid Sputnik V.

Secondo quanto riportato dall'Ansa, all'istituto romano il vaccino russo verrà testato per verificarne l'efficacia contro le varianti, in particolare quelle brasiliana, sudafricana e inglese responsabili della crescita dei contagi e dei ricoveri, così come il siero russo verrà valutato come dose di richiamo nelle persone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino affine per struttura (adenovirus), ovvero il preparato di AstraZeneca.

Gamaleya invierà 100 dosi di vaccino per permettere ai ricercatori italiani di poter eseguire le opportune analisi.

Inoltre l'Istituto russo Gamaleya, sviluppatore del primo vaccino anti-Covid registrato al mondo, dovrebbe avviare una collaborazione anche con l'Istituto Sacco di Milano.

Poco meno di una settimana fa il governatore del Lazio Nicola Zingaretti aveva annunciato l'avvio di test sul vaccino russo Sputnik V allo Spallanzani di Roma per valutarne l'efficacia contro le varianti del coronavirus.  

Intanto proprio oggi si è saputo che la Regione Campania ha siglato un contratto con il fondo russo per l'acquisto del vaccino Sputnik V per ovviare alla carenza di dosi e accelerare la campagna vaccinale.

Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (266)
Tags:
vaccino, Coronavirus, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook