20:00 14 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
6115
Seguici su

Il partito di Giorgia Meloni ha presentato una proposta di legge per riconoscere costituzionalmente l'italiano la lingua ufficiale del Paese.

In occasione del Dantedì, Fratelli d'Italia lancia una campagna per promuovere la lingua italiana e limitare l'uso di termini stranierii. Tra gli obiettivi illustrati in una conferenza stampa, compare una proposta di legge per inserire in Costituzione l'italiano come lingua ufficiale. 

Colmare un vuoto

A illustrare la campagna in una conferenza stampa è Fabio Rampelli, il vicepresidente della Camera. 

“Ci risulta incomprensibile il fatto che la Costituzione italiana ad oggi non abbia previsto la tutela della lingua italiana, dichiarandola lingua della Repubblica.

Secondo Rampelli l'assenza del riferimento alla lingua italiana in Costituzione è "un buco, una voragine incredibile" a cui si deve porre rimedio. Un altro obiettivo della campagna è quello di eliminare l'utilizzo di termini stranieri negli atti ufficiali. 

"Chiediamo che la lingua italiana sia l'unica ad essere utilizzata anche negli atti parlamentari e governativi", aggiunge, sottolineando che le precedenti dichiarazioni di Mario Draghi in merito lasciano ben sperare.

Le modifiche proposte

La proposta non ha costi e viene “messa gratuitamente a disposizione del governo e del Parlamento". Il primo articolo della legge interviene sull'articolo 6 della Costituzione, aggiungendo la frase: "la lingua italiana è la lingua ufficiale della Repubblica”. 

Il riconoscimento costituzionale dell'italiano come lingua ufficiale tuttavia non pregiudica la tutela delle minoranze linguistiche. Lo stesso articolo, infatti, mantiene “le lingue locali, i dialetti italiani che sono meravigliosi e spesso hanno parole intraducibili nella lingua italiana e dunque sono degni di essere conservati e difesi da una omologazione che non ci renderebbe onore”.

La proposta di legge prevede al contempo la modifica dell'articolo 2 della Costituzione, inserendo “il tricolore verde, bianco, rosso, a tre bandi verticali di uguali dimensioni”. Le modifiche costituzionali riguardano anche l'inno d'Italia “così come il ‘Canto degli Italiani' come inno nazionale, anche questo non previsto, che rientra anch'esso nella nostra proposta di legge di modifica costituzionale”.

 

Italiano quarta lingua studiata al mondo 

Sulla proposta di legge e sul Dantedì interviene anche la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, sottolineando che l'italiano è "il quarto idioma più studiato al mondo ma che l'Italia non ha ancora riconosciuto come lingua ufficiale della Repubblica Italiana. Fratelli d'Italia ha presentato una proposta di legge costituzionale perché venga riconosciuta e ha presentato una mozione per chiedere l'utilizzo esclusivo della nostra lingua negli atti del Parlamento, della pubblica amministrazione e degli enti locali", afferma in un video diffuso per ricordare Dante Alighieri. 

Il Dantedì

Il 25 marzo 2021 è stato celebrato il Dantedì, la giornata dedicata al Dante Alighieri, considerato il padre della lingua italiana. La data è riconosciuta dai dantisti come il giorno in cui il Sommo Poeta iniziò il suo viaggio nell'al di là descritto nella Divina Commedia. Le celebrazioni quest'anno hanno un doppio valore: nel 2021 infatti cade il settimo centenario della morte del vate fiorentino. 

Tags:
Costituzione, Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, Dante Alighieri, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook