05:22 16 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
110
Seguici su

Il generale figliuolo conferma 500 mila vaccinati al giorno da seconda metà di aprile e 80% della popolazione da vaccinare lo sarà entro il mese di settembre.

Questa mattina il generale Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza sanitaria, si è vaccinato con il capo della Protezione civile lasciandosi somministrare il farmaco di AstraZeneca presso il drive through della Cecchignola a Roma.

Ai giornalisti presenti ha riferito che entro aprile l’Italia sarà in grado di vaccinare 500 mila persone al giorno, consentendo la vaccinazione dell’80% della popolazione che deve essere vaccinata entro il mese di settembre.

La battuta di arresto causata dallo stop al vaccino di AstraZeneca per quattro giorni ha sicuramente causato un calo nelle vaccinazioni, ammette il generale Figliuolo, ma con la ripresa regolare da ieri pomeriggio in tutta Italia, “stiamo recuperando” afferma.

Presto, inoltre, ci sarà “una forte accelerazione” grazie all’arrivo da metà aprile del vaccino monodose Johnson & Johnson.

A partire dalla seconda metà di aprile, con il quarto vaccino finalmente disponibile (è stato approvato dall’Ema ad inizio marzo), l’Italia potrà portare il livello di somministrazione a 500 mila dosi al giorno.

Figliuolo rassicura che entro fine mese arriveranno in Italia sette milioni di vaccini contro i sei milioni e mezzo del mese di febbraio e di gennaio. Ma si dovrà contare su Pfizer, Moderna e AstraZeneca almeno fino a maggio e giugno, perché per ora le dosi del J&J saranno limitate.

Gli annullamenti delle prenotazioni

Per quanto riguarda il capitolo delle cancellazioni delle prenotazioni, il generale precisa che in alcune regioni a seguito degli eventi legati al vaccino AstraZeneca si sono verificate cancellazioni pari al 20%, mentre in altre pari al 10%, ma in alcune altre non ci sono state cancellazioni, quindi egli ritiene che “il differenziale è praticamente zero”.

Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook