04:19 16 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Oggi si decide quali regioni passano in zona rossa e quali tornano in zona arancione, la zona gialla è stata infatti abolita fino al prossimo 6 aprile almeno.

Come ogni venerdì alle ore 14.30 si riunirà il Comitato tecnico-scientifico (Cts) che, alla luce dei dati forniti al mattino dall’Istituto superiore di sanità (Iss), fornirà le sue raccomandazioni al ministro della Salute sulle fasce di restrizione da assegnare alle regioni italiane.

Questa settimana a rischiare la zona rossa, da lunedì, c’è la Toscana che più delle altre che rischiano è quella che presenta i dati peggiori.

Ma anche la Valle d’Aosta e la Calabria sono in bilico, in queste due regioni i dati sono in peggioramento, ma solo da una settimana a questa parte e quindi i dati non li vedremo nel dossier dell’Iss.

In Valle d’Aosta, in particolare, non sarebbero stati rilevati i 250 casi ogni 100 mila abitanti che fanno scattare in automatico i passaggi in zona rossa, inoltre l’impatto dei casi sugli ospedali è per ora basso, tuttavia l’Rt è sopra 1,5.

Una notizia buona potrebbe giungere invece per il Molise, dopo settimane di passione e di riflettori accesi sulla gestione della pandemia che ha portato alle dimissioni del commissario alla sanità, la Regione potrebbe tornare in zona arancione.

Toscana, il presidente Giani auspica restare di in arancione

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, conta i casi di positivi ogni 100 mila abitanti. La situazione è 246 casi ogni 100 mila, la soglia è 250, quindi la sua regione potrebbe restare “in zona arancione anche per la settimana prossima”, come riporta l’agenzia di stampa Ansa.

La strategia di Giani per la Toscana è quella di creare aree rosse all’interno della regione, scongiurando così il lockdown per l’intero territorio.

Tags:
Coronavirus, Toscana
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook