10:10 17 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
102
Seguici su

A seguito dell'emergenza Covid entrano in vigore nuove normative da rispettare anche durante le processioni ecclesiastiche. L’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro approva le nuove misure in vista della Settimana Santa.

Sulla scia dello scorso anno e delle restrizioni durante le festività, anche la Settimana Santa del 2021 prevede restrizioni e accorgimenti per la tutela contro il coronavirus.

L’arcivescovo Filippo Santoro ha pienamente approvato i nuovi regolamenti che limiteranno gli spostamenti tra varie chiese seguendo il tradizionale itinerario.

Per i "perdoni" di Taranto non sarà quindi possibile partecipare scalzi ai vari riti della Settimana Santa, così come non saranno consentiti gli itinerari in coppia per le strade e i pellegrinaggi ai diversi altari.

I fedeli dovranno recarsi esclusivamente nella propria parrocchia, e sarà in vigore il coprifuoco delle 22, in modo da limitare il numero delle persone per strada, che negli altri anni contava migliaia di fedeli durante le celebrazioni liturgiche.

È inoltre incentivato l'uso dei social media, per ridurre il numero di persone all'interno di chiese e parrocchie, senza negare ai fedeli la possibilità di interagire con parrochi e vescovi durante le processioni. Bisognerà anche osservare il divieto di alcuni gesti tradizionali, come baci, abbracci e quelli che prevedono lo stretto contatto con altre persone.

Grazie all'osservanza di tali restrizioni, la chiusura delle chiese nel 2021 potrà essere limitata rispetto allo scorso anno, quando da giovedì a sabato non era consentito ai fedeli l'ingresso, e le celebrazioni avvennero a porte chiuse e utilizzando il metodo di streaming online.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook