02:58 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
401
Seguici su

Il ritorno della zona rossa in buona parte delle regioni italiane porta alla reintroduzione dell'obbligo di autocertificazione per gli spostamenti.

Con il nuovo decreto del governo Draghi del 13 marzo, che dispone le regole che varranno dal 15 marzo al 6 aprile, torna anche l'autocertificazione per gli spostamenti.

Sul sito ufficiale dell'esecutivo, nella sezione delle Faq (risposte alle domande frequenti), è stata fatta chiarezza su quelle che saranno le modalità di utilizzo e gli obblighi relativi all'autocertificazione.

Innanzitutto, è da notare come la dichiarazione sostitutiva di certificazione o modulo autodichiarazione, pubblicata sul sito del ministero dell'Interno in formato pdf, è la medesima già precedentemente resa disponibile nell'ottobre 2021.

Inoltre, è stato specificato che l'obbligo dell'autodichiarazione varierà in base al colore della zona in cui sarà effettuato lo spostamento e che in caso di falsa autocertificazione si rischia una sanzione pecunaria da 300 a 4.000 euro.

Zona rossa

Per quanto riguarda la zona rossa, il governo ha chiarito che l'autodichiarazione sarà sempre necessaria in quanto gli spostamenti non sono mai consentiti, sebbene siano sempre consentiti:

  • il rientro a casa a qualsiasi ora del giorno e della notte, intendendo per "casa" la residenza, il domicilio o l'abitazione, sempre nel rispetto degli orari del coprifuoco;
  • gli spostamenti per andare a fare la spesa e / o utilizzare i servizi essenziali aperti.

Zona arancione

In zona arancione l'autocertificazione sarà invece necessaria in caso di:

  • spostamenti al di fuori del proprio comune e se ci si sta spostando negli orari del coprifuoco. In questi due casi è possibile muoversi soltanto per ragioni di lavoro, salute o estrema necessità e urgenza che vanno esplicitato nel modulo autodichiarazione le cui affermazioni potranno essere verificate successivamente dalla polizia.
Un tram a Milano, Italia
© Sputnik . Evgeny Utkin
Un tram a Milano, Italia

Come compilare il modulo di autocertificazione

Nel modulo di autocertificazione sarà necessario indicare:

  • il proprio abituale domicilio;
  • un contatto telefonico valido;
  • di non essere sottoposti alla misura della quarantena ovvero di non essere risultato positivo al Covid-19 (fatti salvi gli spostamenti disposti dalle Autorità sanitarie).
  • di essere "consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale" regolate dall'articolo 495 del Codice di procedura penale;
  • il motivo che determina lo spostamento (comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o altri motivi ammessi dalle vigenti normative);
  • l'indirizzo di partenza e l'indirizzo di destinazione.
Anfiteatro Italia
© Sputnik . Evgeny Utkin
Anfiteatro Italia
Il decreto Draghi

Con il decreto legge pubblicato venerdì in Gazzetta Ufficiale da oggi fino al 6 aprile il giallo non sarà più nella mappa dell'Italia: la maggioranza delle regioni passa al rosso, e chi rimane in arancione avrà regole più severe per contrastare la diffusione del virus. Solo la Sardegna rimane bianca, con la possibilità di allentare le proprie misure.

Alcune regioni anche se in fascia arancione hanno istituito mini zone rosse (la Toscana ha 3 province in zona rossa: Arezzo, Prato e Pistoia) oppure hanno inasprito le misure anti-Covid. In Campania un'ordinanza del presidente Vincenzo De Luca ha chiuso da giovedì scorso e fino al 21 marzo lungomari, piazze, parchi urbani, ville comunali e giardini pubblici.

Per Pasqua le regole prevedono una zona rossa nazionale che riguarderà i giorni 3, 4 e 5 aprile. In questi giorni, a eccezione delle Regioni i cui territori si collocano in zona bianca, si applicano le misure stabilite per la zona rossa.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook