16:53 10 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
234
Seguici su

Vittorio Brumotti, inviato del Tg satirico, dal 2017 ha dato il via alla propria missione di liberazione delle piazze d'Italia dalla droga, realizzando diversi servizi sulle piazze di spaccio di svariati centri urbani.

Vittorio Brumotti, noto biker e inviato della trasmissione Striscia la Notizia è diventato suo malgrado protagonista di un grave episodio di minacce ai suoi danni mentre si trovava insieme ad un'operatore televisivo sotto le Logge di viale Gramsci, a Pisa.

A riferirlo è il quotidiano fiorentino la Nazione.

I due si trovavano in quella che è considerata una delle zone maggiormente afflitte da problematiche relative alla sicurezza in città per far luce sul fenomeno molto diffuso dello spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere 

Mentre Brumotti cercava di raccogliere delle interviste, è stato avvicinato da un gruppo di cittadini stranieri, evidentemente ben poco entusiasti dell'iniziativa del reporter, che gli hanno rivolto una serie di minacce, tanto da costringerlo immediatamente a rivolgersi a Guardia di Finanza e Polizia.

La scelta del reporter ha costretto i malviventi a dilerguarsi nel nulla.

Un'avventura sicuramente spiacevole, ma conclusasi fortunatamente senza gravi conseguenze, dal momento che le minacce dei pusher si sono mantenute al livello verbale.

Sull'accaduto la Polizia ha aperto un fascicolo d'inchiesta, e saranno visionate le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso presenti nell'area, al fine di identificare gli spacciatori.

Le aggressioni a Brumotti

In passato Vittorio Brumotti era stato aggredito diverse volte nel corso delle riprese di servizi Striscia la Notizia che documentavano la presenza di piazze di spaccio in diversi centri italiani, diventando un punto di riferimento del giornalismo d'inchiesta da 'prima linea'.

Neanche due settimane fa, il biker e la sua troupe erano stati aggrediti al Parco delle Cascine, la più grande area di spaccio di Firenze, vedendosi lanciare contro delle pietre da parte di alcuni pusher che li avevano accerchiati.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook