19:13 22 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
5515
Seguici su

La procura ha disposto il sequestro della cartella clinica di una docente di 37 anni, operata d'urgenza al Sant'Elia di Caltanissetta per emorragia cerebrale pochi giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino contro il Covid-19.

Un'insegnante di Gela (CL) è ricoverata in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta a causa di un'emorragia cerebrale. Si era sottoposta lo scorso primo marzo alla vaccinazione con Astrazeneca. La procura ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche. Secondo quanto riferisce il quotidiano La Stampa, si tratterebbe di un lotto differente dal ABV2856 bloccato da Aifa negli scorsi giorni. 

Il malore improvviso

La donna di 37 anni ha avvertito un malore improvviso venerdì mattina ed è stata trasportata d'urgenza all'ospedale di Gela con un forte mal di testa e in stato confusionale. 

Nel corso delle ore il suo quadro clinico sarebbe peggiorato significativamente, rendendo necessario il trasferimento immediato all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta, dove l'insegnante è stata sottoposta ad un intervento chirurgico d'urgenza. Dall'anamnesi è emerso che la docente era stata sottoposta alla vaccinazione con Astrazeneca lo scorso 1 marzo. 

Le sue condizioni restano gravi.

L'indagine

Sul caso la procura ha aperto un'indagine, disponendo il sequestro delle cartelle cliniche dell'insegnante e della documentazione inerente il vaccino, per verificare un eventuale nesso causale fra i due episodi.
Intanto in Sicilia è atteso l'arrivo degli ispettori inviati dal ministero della Salute, dopo la morte di Stefano Paternò, il militare di Augusta deceduto il giorno dopo l'inoculazione del vaccino Astrazeneca. Dovranno verificare la correlazione eziologica fra il decesso e la somministrazione del vaccino.

 

Per la sua morte, intanto, sono indagate quattro persone: l’amministratore delegato di Astrazeneca in Italia, due sanitari dell’ospedale militare di Augusta e il medico del 118 che ha soccorso l’uomo nella sua abitazione di Misterbianco, dove è morto.

In Sicilia sono decedute tre persone appartenenti alle forze dell'ordine e all'esercito, dopo aver ricevuto la dose del lotto ABV2856, sospeso da Aifa per accertamenti. Secondo quanto si apprende dalla stampa locale, non si tratterebbe dello stesso lotto con cui è stata vaccinata la professoressa. 

 

Tags:
Coronavirus, vaccino, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook