17:04 10 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
254
Seguici su

L'assessore alla sanità pugliese in visita presso i principali centri vaccinali della Regione Puglia, auspica che entro l'estate ci saremo liberati della pandemia grazie alla campagna vaccinale.

La speranza di tutti è anche quella del professore Pierluigi Lopalco, assessore alla sanità della Regione Puglia il quale dice: “Grazie alla vaccinazione e all’arrivo dell’estate speriamo di lasciarci presto alle spalle questa pandemia”.

Lopalco ieri ha visitato quattro centri vaccinali che sono stati allestiti all’Asl di Brindisi, presso Fasano, all’interno del centro commerciale Conforama, il Palasport 2006 di Ceglie Messapica e il centro vaccinale di Latiano.

In Puglia, dice Lopalco, sono pronti a partire con la nuova riclassificazione delle categorie fatte dal governo in merito alla campagna vaccinale. Hanno solo bisogno delle dosi di vaccino per andare avanti.

Siamo pronti a includere “tutte le persone con disabilità e quindi anche quelle con autismo, e i loro caregiver”, afferma Lopalco, citato dall'Adnkronos, dicendo che i bambini sotto i 16 anni con disabilità non possono essere vaccinati, ma “potremo vaccinare comunque chi se ne prende cura” per creare una rete di protezione intorno a loro.

Siamo in piena terza ondata

“Inutile girare intorno alla questione: siamo in piena terza ondata”, afferma Lopalco che si aggiunge al coro di massimi esperti che lo vanno ripetendo da giorni.

Giusto quest’oggi l’assessore alla sanità pugliese è stato preceduto da Garattini.

A Fasano l’hub vaccinale più grande di Puglia

L’hub allestito presso il centro commerciale di Fasano, 4 mila metri quadrati messi a disposizione dalla dirigenza del centro, è l’hub vaccinale più grande della Regione Puglia. Qui a regime sono previsti 3 mila vaccini al giorno.

Nel frattempo, il ministro della Salute Roberto Speranza ha comunicato che in Italia sono state raggiunte le 200 mila dosi di vaccino somministrate in un solo giorno.

Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook