03:27 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Trapianto di reni da donatore longevo, un record per la medicina italiana. Il rene permetterà alla persona di non dover dipendere dalla dialisi a vita.

Ad 82 anni ha donato il suo rene al figlio di 53 anni evitando che andasse in dialisi a vita perché affetto da glomerulonefrite. Il trapianto storico in Italia è stato condotto dall’equipe medica all’ospedale Molinette di Torino.

Il trapianto ha acquisito ancor più significato perché avvenuto alla vigilia della giornata mondiale di sensibilizzazione sulla donazione del rene.

Il direttore della Nefrologia e responsabile del programma trapianti di rene dell’ospedale torinese, il dottore Luigi Biancone, ha spiegato che il trapianto di rene da donatore vivente è in crescita anche in Italia, lo riporta l’agenzia Ansa.

Il medico ha anche spiegato che per la donazione del rene non vi è alcun limite di età, anche se l’età anagrafica del donatore va rapportata con i dati clinici.

Giornata mondiale del rene

Giovedì 11 marzo è la Giornata mondiale del rene e l’ospedale Molinette ricorda l’evento attraverso un comunicato sul sito ufficiale.

"Criptica", questo è l'aggettivo che meglio si addice alla malattia renale. Infatti, questa patologia si cela silenziosamente, rimane misteriosamente nascosta, salvo svelarsi quando il danno è stato già arrecato”, scrive l’ospedale ricordando che tra i fattori che predispongono alla malattia renale ci sono il diabete, e l’ipertensione arteriosa.

Per cogliere i primi segnali della malattia bastano l’esame delle urine, la creatininemia e l’ACR e la rilevazione periodica della pressione arteriosa.

Disponibile per i pazienti il Numero Verde di utilità sociale 800 822 515.

Tags:
Torino, Medicina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook