19:41 14 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
101
Seguici su

Sono le conclusioni contenute nel decimo Rapporto Bes dell'Istat sul benessere equo e sostenibile per il 2020, l'anno dell'inizio della pandemia di coronavirus.

La pandemia di coronavirus ha azzerato i progressi compiuti nell'ultimo decennio sulla speranza di vita al Nord, dove maggiore è stato il numero di casi e vittime di Covid, afferma il decimo Rapporto Bes dell'Istat sul benessere equo e sostenibile. In particolare tra 2019 e 2020 la speranza di vita è scesa di circa 1 anno, da 83.2 a 82.3, avvicinandosi al livello del 2010 quando era 81.7 anni.

"Gli indicatori hanno registrato impatti particolarmente violenti su alcuni progressi raggiunti in dieci anni sulla salute, annullati in un solo anno", ha commentato il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo.

Nel 2020 il 44,5% degli italiani esprime un voto tra 8 e 10 sulla soddisfazione della propria vita, dato disomogeneo in funzione di territorio, titolo di studio conseguito, età e genere, seppur quest'ultimo in minor misura.

Nel rapporto si evidenzia l'allargamento del divario del Belpaese con l'Europa: nel secondo trimestre 2020 il 62,6% delle persone di 25-64 anni ha almeno il diploma superiore, 16 punti percentuali in meno rispetto a quanto avviene mediamente in tutti gli altri Stati della Ue. 

Infine i lockdown e le chiusure forzate delle attività economiche non strategiche nell'ambito degli sforzi di contenimento dei contagi hanno inevitabilmente colpito l'occupazione: nel 2020 in Italia ci sono 788mila occupati in meno tra la popolazione di età compresa tra 20-64 anni rispetto al 2019.

Ma non tutto è negativo nell'anno del Covid: nel rapporto è stato rilevato l'aumento della partecipazione nelle attività sociali e politiche tra gli italiani, in controtendenza rispetto al calo dell'ultimo decennio.

"Nel decennio si è registrato un calo nella quota di popolazione coinvolta in attività quali parlare di politica, informarsi, partecipare on line, nonché nelle attività di partecipazione sociale. Tuttavia proprio nel 2020 la partecipazione politica sembra tornare a crescere, come conseguenza di un forte bisogno di informazione e della necessità di seguire l'evolvere delle disposizioni di contrasto alla diffusione del COVID-19 imposte a livello nazionale e locale".

In Italia dall'inizio dell'epidemia scoppiata circa un anno fa in base agli ultimi dati diffusi dal ministero della Salute sono stati rilevati 3.101.093 casi di Covid-19, tra cui 100.479 decessi e 2.521.731 guarigioni.

Tags:
longevità, Lavoro, Società, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook