20:56 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Trabocco lavico dal cratere di sud-est verso la Valle del Bove a partire dalla serata e fontana di lava rimasta attiva fino alle prime ore di oggi. È già il quarto parossismo dell’Etna in questo mese.

l'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia comunica che dalle 20:13 di ieri, martedì 9 marzo, si è verificato l’ennesimo trabocco lavico dal cratere di sud-est rivolto verso la Valle del Bove. Una consistente fontana di lava è rimasta attiva fino alle ore 3:30 di questa mattina.

Il flusso lavico ha raggiunto quota 2.200 metri. Questo è già il quarto parossismo del mese. Dopo il breve ma violento parossismo del 28 febbraio vi erano stati due giorni di relativa tregua in cui tuttavia i crateri sommitali avevano conservato una leggera attività. Di fatto dal 16 febbraio in poi, l’Etna non si è mai del tutto fermato.

Gli ultimi fenomeni parossistici più evidenti sono stati quelli del 2, 4 e 7 marzo.

L'Etna, il vulcano più attivo d'Europa, ha ripreso la sua attività a fine dicembre 2020, divenuta più intensa a partire dal 16 febbraio 2021, con frequenti attività stromboliana ad elevato tremore vulcanico. Le fontane di lava provocate dagli ultimi parossismi hanno superato i mille metri.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook