04:22 15 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
221
Seguici su

AstraZeneca ottiene il via libera alla somministrazione anche per la fascia di età 70-79 anni, novità che sarà contenuta nella ridefinizione del nuovo piano nazionale vaccini.

Il prossimo giovedì 11 marzo verrà presentato dal Commissario all’emergenza sanitaria generale Figliuolo il nuovo piano nazionale vaccini, durante la Conferenza delle Regioni.

Secondo quanto ha anticipato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, che ha parlato con il ministro della Salute Speranza, la novità principale riguarderà la somministrazione del vaccino AstraZeneca anche alla fascia di età 70-79 anni che non dovrà più attendere i vaccini Pfizer e Moderna, lo riporta RaiNews.

Giovanni Toti, governatore della Liguria
© Sputnik . Evgeny Utkin
Giovanni Toti, governatore della Liguria

Il presidente Toti ha affermato che con la nuova variazione sul piano di somministrazione del vaccino, la sua Regione vaccinerà i vulnerabili e le categorie fino all’età di 69 anni con l’aiuto dei medici di medicina generale come da programma.

Dal 17 marzo in poi chi ha tra i 75 e i 79 anni potrà prenotarsi per fare il vaccino contro il coronavirus attraverso il servizio regionale Liguria Digitale o attraverso il numero verde del Cup. La somministrazione per questa fascia di età inizierà in parallelo con quella degli over 80 a partire dal 22 marzo, mentre dal giorno successivo 23 marzo, potrà prenotare la fascia di età 70-74 anni con le stesse modalità.

Johnson&Johnson rispetterà i tempi

Il vaccino Johnson&Johnson arriverà ai membri dell’Unione Europea senza ritardi, lo ha detto il direttore medico di Janssen Italia (divisione farmaceutica di J&J) Loredana Bergamini al Corriere della Sera.

Il vaccino russo Sputnik V è nell'Ospedale di Stato a San Marino
© Foto : Istituto per la Sicurezza Sociale di San Marino / Andrea Costa

Sulla logistica c’è un lavoro “rigoroso per far arrivare i lotti dove e quando devono essere consegnati”, afferma.

Ma non si sbilancia sul quando arriveranno i vaccini, afferma che la produzione rispetterà la consegna dei 200 milioni di dosi entro il 2021.

Sputnik V prodotto in Italia

Adienne Pharma&Biotech è una società svizzera con lo stabilimento a Caponago in Brianza, sarà qui che verranno prodotte milioni di dosi di vaccino Sputnik V in Italia.

La società è specializzata nella produzione di farmaci oncologici, ma è all’avanguardia in molti settori della farmaceutica e così tra qualche mese da qui arriveranno anche le dosi dello Sputnik V. Servono giusto i tempi tecnici per avviare una produzione che richiede preparazione.

Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook