18:34 22 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
372
Seguici su

Lockdown, riaperture e vaccinazione. Questi i tre temi di cui ha parlato il sottosegretario alla Salute in un'intervista a Rainews. "E' ora di programmare la riapertura dei ristoranti la sera", ha detto.

"Io non sono per un lockdown nazionale: se in una regione il contagio è sotto controllo senza numeri importanti non vedo perché lì dovrebbe essere fatto. Servono misure chirurgiche laddove corre di più il virus". Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, a Rai News 24.

Sileri promuove la strategia "a colori" adottata dal governo per disporre le restrizioni in base all'effettivo rischio epidemiologico delle regioni. 

"Il monitoraggio con i colori delle regioni a ha consentito di ritardare la terza ondata”, ha affermato. 

La terza ondata

Secondo il sottosegretario la terza ondata che stiamo vivendo proprio grazie alle misure chirurgiche e alle chiusure mirate disposte nel periodo natalizio o nelle aree con maggior contagio.

"Abbiamo una variabile positiva a nostro favore ora: andare avanti con le vaccinazioni. Non siamo partiti con il piede giusto, ma negli ultimi giorni si è recuperato”, ha dichiarato.

Anche se la variante inglese circola con maggior forza tra i più giovani, la protezione degli anziani ha permesso di ridurre le ospedalizzazioni gravi. 

"Siamo arrivati ad un punto in cui la strada è in discesa", dice Sileri. 

Vicina la luce in fondo al tunnel

Il sottosegretario ritiene che ormai l'Italia sia "all'ultimo sforzo" e tra pochissime settimane "la combinazione di chiusure mirate e vaccinazioni crescenti permetterà di vedere la luce in fondo al tunnel”, spiega. 

Nonostante il peggioramento della situazione sanitaria su tutto il territorio, quindi, per Sileri si possono iniziare a pianificare le riaperture. "E' ora di programmare la riapertura dei ristoranti la sera", ha specificato.

Vaccini

Sulle vaccinazioni Sileri ritiene che ci sia bisogno di un'accelerazione nelle approvazioni dei vaccini, e per questo le agenzie del farmaco di ogni nazione "dovrebbero avere un po' di coraggio e prendere un'iniziativa, ad esempio sull'utilizzo di Sputnik in via emergenziale".

"Le procedure interne - precisa - vengono bloccate da troppa burocrazia e poco coraggio". 
Vertice d'urgenza per nuove restrizioni 

In seguito al peggioramento della situazione sanitaria sul territorio nazionale, il presidente ha convocato d'urgenza questa mattina il Comitato tecnico scientifico (Cts) per discutere di misure aggiuntive al nuovo Dpcm per fermare la terza ondata di contagi. Tra i provvedimenti presi in considerazione durante il vertice una super zona rossa nazionale o dei lockdown mirati, con negozi e scuole chiuse nei weekend.

L'altra ipotesi, suggerita dal Cts, è quella di abbandonare il criterio dell'indice Rt e guardare all'incidenza dei contagi, quando i casi superano la soglia critica di 250 su 100 mila abitanti. E' questo il dato cruciale che determina l'incremento dell'indice dei contagi e del tasso di positività nel bollettino quotidiano.

Nella nuova situazione si allontana per cinema e teatri la speranza di riaprire dal 27 marzo.

Tags:
vaccino, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook