18:07 18 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
1145
Seguici su

L'eliminazione del tetto massimo di età per il vaccino Oxford arriva dopo il parere Consiglio superiore di Sanità. Lo ha annunciato il ministro Speranza questa domenica a Mezz'ora in più.

Il vaccino Oxford potrà essere somministrato agli over 65, come già accade in altri Paesi europei. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una circolare che prevede l'eliminazione del limite massimo d'età. Restano però esclusi però i soggetti "estremamente vulnerabili" per particolari patologie.

L'eliminazione del limite massimo di età è stata disposta in seguito a ulteriori evidenze scientifiche che confermano il profilo di sicurezza del vaccino e indicano un'efficacia immunizzante per tutte le fasce d'età. In particolare nei soggetti di età superiore ai 65 anni la somministrazione del vaccino è in grado di indurre una significativa protezione dallo sviluppo della patologia nelle sue forme gravi e fatali. 

Nella circolare firmata dal direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, è scritto nero su bianco che la decisione è stata condizionata anche dalla scarsa disponibilità dei vaccini. 

"La Sulle basi di tali considerazioni, anche in una prospettiva di sanità pubblica connotata da limitata disponibilità di dosi vaccinali e alla luce della necessità di conferire protezione a fasce di soggetti più esposti al rischio di sviluppare patologia grave o addirittura forme fatali di COVID-19, il gruppo di lavoro su SARS-CoV-2 del Consiglio Superiore di Sanità ha espresso parere favorevole a che il vaccino AstraZeneca possa essere somministrato anche ai soggetti di età superiore ai 65 anni", si legge nel testo. 

La firma era stata annunciata ieri da Speranza alla trasmissione Mezz'ora in più di Lucia Annunziata, in onda domenica pomeriggio su Raitre. Il via libera arriva dopo il parere del Consiglio Superiore di Sanità.

La campagna di vaccinazione in Italia

In Italia sono state immunizzate 1.652.031, pari al 2,27% della popolazione. In totale sono state somministrate 5.417.678 dosi su un totale di 6.542.260, pari all'82%. 3.765.647, il 6,31% della popolazione, ha ricevuto la prima dose. 

I vaccini utilizzati nella campagna italiana di immunizzazione sono quelli delle case farmaceutiche Pfizer/biontech, Moderna e Astrazeneca.

Tags:
vaccino, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook