18:35 14 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Gli indagati sono accusati di estorsione con metodo mafioso e di episodi intimidatori nei confronti dei familiari di un collaboratore di giustizia.

La Squadra Mobile di Catania e gli Agenti del Commissariato di Adrano hanno eseguito 15 misure di custodia cautelare contro presunti affiliati della cosca Scalisi, un'articolazione territoriali della clan Laudani ad Adrano. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, il traffico e lo spaccio di droga, la detenzione di armi e le estorsioni con metodo mafioso.

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura distrettuale di Catania, sono stati documentati alcuni episodi di intimidazioni nei confronti di familiari di un ex membro del clan. In alcune telefonate intercettate dalla polizia, gli affiliati al gruppo criminale progettavano ritorsioni nei confronti di Salvatore Giarrizzo, che l'anno scorso aveva deciso di collaborare con la giustizia. Le parole si sono trasformate in fatti quando, pochi giorni fa, è stato incendiato il camion dei panini di Giarrizzo.

L'episodio, immortalato dalle telecamere di sorveglianza della zona, ha fatto scattare l'operazione Triade contro gli alleati dei Laudani ad Adrano. La procura di Catania ha fatto scattare alcuni fermi per prevenire ulteriori ritorsioni ed evitare possibili fughe. Dopo le udienze di convalida, tenute fra giovedì e venerdì, i pm catanesi hanno chiesto al gip le misure cautelari per alcuni indagati. 

Tags:
Polizia, Mafia, Catania, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook