23:31 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Si allarga il numero di comuni della regione Lombardia in zona arancione rafforzata, tra questi tutta la provincia di Como e alcuni comuni di Milano, Pavia, Mantova, Cremona (compreso il capoluogo). Le nuove misure scatteranno dal 3 marzo.

La Lombardia, entrata oggi in zona arancione, allarga il numero di comuni che passeranno dal 3 marzo direttamente in zona arancione rafforzata. Il Presidente della regione Attilio Fontana ha firmato oggi 3 ordinanze con l'obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione a contrasto del Covid su diverse aree del territorio. Le misure saranno in vigore dal 3 al 10 marzo compreso.

Diventerà zona arancione rafforzata l'intera provincia di Como, insieme a diversi comuni della provincia di Mantova, della provincia di Cremona (incluso il capoluogo), di quella di Pavia e di dieci comuni della Città Metropolitana di Milano, tra cui Melzo e Binasco. Qui saranno chiuse tutte le scuole, tranne gli asili nido.

Quali sono i comuni che entreranno in arancione rafforzato?

  • Insieme all'intera provincia di Como, saranno interessati nella provincia di Mantova i comuni di Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere.
  • Per la provincia di Cremona saranno in arancione rafforzato Cremona, Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de' Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano e Olmeneta.
  • Nella provincia di Pavia i comuni interessati saranno Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolò, Vidigulfo.
  • Motta Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile saranno invece i comuni coinvolti nella provincia di Milano. In questi comuni viene stabilita la didattica a distanza per le scuole dell'infanzia, le primarie e le secondarie ad esclusione degli asili nido.

In provincia di Brescia prolungate le misure per una settimana

In tutti i comuni della provincia di Brescia le misure già adottate sono prolungate per una settimana, con la chiusura di tutte le scuole ad eccezione degli asili nido. Nel bergamasco sono Sarnico, Gandosso, Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Villongo, Castelli di Calepio, Credaro ad entrare in arancione rafforzato.

Nello scorso weekend sono state numerose le polemiche per gli assembramenti fuori controllo a Milano, con feste e risse, come nel caso della Darsena. Sabato nell’ex scalo ferroviario di Lambrate è stato inaugurato il locale "The Sanctuary", con la partecipazione di numerose persone non munite dei dispositivi di protezione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook