10:22 23 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
140
Seguici su

Avrebbe convinto una persona vulnerabile a sospendere una cura e a non sottoporsi ad un importante intervento chirurgico, causandone la morte.

Un sedicente "mago" è stato arrestato per truffa e altri capi d'accusa, tra cui omicidio colposo e circonvenzione di incapace. Le manette sono scattate per Davide De Simone, di 40 anni, e la moglie di 37 anni, finita ai domiciliari, in esecuzione di un un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Palmi, Barbara Borrelli su richiesta del procuratore facente funzioni Giuseppe Casciaro e del sostituto Giorgio Panucci.

Il "mago" De Simone, di origine siciliane, esercitava in provincia di Reggio Calabria, ma approfittava della sua attività per raggirare persone in difficoltà con la complicità della moglie.

Secondo l'accusa avrebbe circuito in disabile mentale convincendolo a interrompere una cura farmacologica e a non sottoporsi ad un importante intervento chirurgico. L'intervento di De Simone sarebbe stato determinante nel provocare il decesso del disabile, morto da lì a poco a causa della sospensione delle terapie. 

L'indagato è accusato inoltre di truffa, ricettazione, circonvenzione di incapace, detenzione abusiva di armi, truffa aggravata e violenza sessuale. La procura calabrese sta indagando, infatti, su alcuni episodi di stupro nei confronti delle clienti.

Il mago avrebbe convinto tre donne, che si erano rivolte a lui per trovare l'anima gemella, a "un rito sessuale con lui, per il tramite dello spirito santo". 

La moglie di De Simone, invece, è accusata di ricettazione. Le indagini sono state avviate nel gennaio 2019, dopo l'intervento in un ufficio postale di Reggio Calabria dei carabinieri, allertati dal direttore per il comportamento di una coppia di clienti, il "mago" e la moglie. 

I militari hanno eseguito una perquisizione personale e domiciliare della coppia, rinvenendo vari monili in oro, due cartucce per armi da fuoco e una cospicua somma di denaro. Gli accertamenti hanno consentito di verificare l'atteggiamento criminale di De Simone e della moglie, abili truffatori in cerca di vittime da raggirare a cui estorcere denaro o beni di valori, individuate fra le persone più vulnerabili o in difficoltà.

Tags:
Truffa, carabinieri, Calabria, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook