09:24 17 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Sequestrato l'account di una influencer di Siracusa che posta video di sfide pericolose, dopo che aveva lei stessa ammesso che gran parte dei follower sono dei bambini.

Sequestrato preventivamente dalla Polizia postale il profilo TikTok di una influencer della provincia di Siracusa di 48 anni, indagata per istigazione al suicidio.

Sul suo profilo sono stati rinvenuti centinaia di video con sfide che sono ritenute dagli inquirenti estremamente pericolose e tali da poter essere emulate dagli oltre 650 mila follower minorenni che seguono il profilo, per un totale di 731 mila follower.

Ad emettere il provvedimento giudiziario il Tribunale di Firenze che segue l’inchiesta. Precedentemente l'account della influencer era già stato sospeso, ma i video risultavano ancora disponibili in rete.

Il monitoraggio condotto dalla Polizia postale ha appurato che un link rinvenuto in rete e che rimandava al profilo della influencer, mostrava un video ritraente una sfida tra la donna e un uomo, in cui entrambi si avvolgevano totalmente il volto, compresi narici e bocca con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare.

Il video è stato giudicato estremamente pericoloso perché disponibile pubblicamente a tutti gli utenti senza restrizioni.

Ma non solo questo video ha portato alla chiusura del profilo e all’indagine sulla influencer, ma anche altri video da essa pubblicati che spiegavano come organizzare sfide pericolose. Da qui la decisione di chiudere l’account.

A causa di uno di queste sfide pericolose disponibili su TikTok e altri social network, è di recente morta una bambina a Palermo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook