05:58 14 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
4019
Seguici su

Il nuovo dpcm che il presidente del Consiglio Mario Draghi firmerà a gironi, non prevede grandi aperture per le attività commerciali, si prosegue sulla linea della prudenza in vista delle festività pasquali.

Il nuovo dpcm Draghi entrerà in vigore a partire dal 5 marzo prossimo e con tutta probabilità durerà fino al 6 di aprile, coprendo in questo modo tutto il periodo quaresimale e di Pasqua. L’obiettivo è, come lo scorso anno e come Natale 2020, evitare che le grandi festività si trasformino in un super diffusore del coronavirus.

Il nuovo dpcm che sostituirà quello dell’uscente governo Conte, prevede un rafforzamento della zona arancione, con un “arancione scuro” che limita ulteriormente la mobilità rispetto alla zona arancione che oggi abbiamo imparato a conoscere.

Quel che già è certo, è che il decreto sarà annunciato lunedì 1 marzo con qualche giorno di anticipo, per dare il tempo a tutti di organizzarsi e di sapere in anticipo come comportarsi.

Va in questa direzione anche il cambio delle ordinanze settimanali del ministero che rendono operativi i cambi di fascia in base alla curva epidemiologica. Già da questa settimana le ordinanze entreranno in vigore dal lunedì e non dal sabato o dalla domenica.

Come noto vi è anche il divieto di spostamento tra le regioni, già esteso fino al 27 marzo prossimo in un precedente dpcm di qualche giorno fa. Gli spostamenti fra regioni, è bene ricordarlo, sono vietati anche se le regioni contigue sono in fascia gialla.
Le persone a Milano durante la pandemia del coronavirus, Italia
© Foto : Evgeny Utkin
Le persone a Milano durante la pandemia del coronavirus, Italia

Il nuovo metodo dpcm Draghi

Mario Draghi con molta probabilità non potrà fare a meno ancora per un po’ del dpcm (Decreto del presidente del Consiglio dei ministri) come strumento giuridico per intervenire con tempestività. Tuttavia la discontinuità rispetto al precedente esecutivo è appunto l’anticipazione di almeno alcuni giorni delle norme, e il coinvolgimento per quanto possibile del Parlamento che viene coinvolto e a cui si offre la possibilità di fornire suggerimenti e pareri prima che il dpcm venga firmato dal presidente del Consiglio.

I ristori più veloci

Per velocizzare i ristori alle imprese, la cabina di regia sarà aperta anche ai ministri con portafoglio, quindi il ministro dell’Economia, dello Sviluppo Economico, dell’Agricoltura, della Cultura.

Tags:
Mario Draghi, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook