00:35 06 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
Di
101
Seguici su

Protagonista del brutto episodio Dario Dongo, avvocato romano, costretto su una sedia a rotelle. Ancora oggi sul sito dell'Atac la banchina viene dichiarata inaccessibile con gli ascensori.

Se non fosse stato per un gruppo di volenterosi Dario Dongo, disabile romano costretto su una sedia a rotelle, ieri non avrebbe potuto prendere la metropolitana. Le immagini della carrozzina portata a spalla sulle scale che portano ai tunnel della Stazione Termini, fanno male al cuore.

Non è la prima volta che succede nella Capitale. Nel 2019 ad essere trasportato di peso, sempre a causa di un ascensore rotto, era stato un turista sudamericano, arrivato a Roma in pellegrinaggio e rimasto bloccato alla stazione Cipro della linea A, che porta alla basilica di San Pietro.

Di episodi così ce ne sono stati molti altri. Colpa degli ascensori e dei montascale che molto spesso sono fuori uso. Tanto che, come ricorda Roma Today, Atac, l’azienda dei trasporti capitolina, è stata costretta a risarcire con mille euro un passeggero rimasto bloccato per oltre un’ora nei tunnel in due occasioni, nel settembre del 2019.

A denunciare la brutta avventura di ieri è stato lo stesso protagonista, avvocato e presidente dell’associazione Égalité che sostiene le persone con disabilità, che su Facebook ha definito l’accaduto una “vergogna”.

Attorno alle 16.30 di lunedì ha tentato di raggiungere le banchine, ma tutti gli ascensori della principale stazione romana erano fuori uso. L’accesso, a quel punto, è stato possibile solo grazie all’aiuto di altri viaggiatori.

Foto da Facebook/ Dario Dongo
Passeggeri aiutano un disabile in carrozzina a scendere le scale alla Stazione Termini

Intervistato da Fanpage, Dongo parla di barriere “che ledono la libertà e la dignità per le persone con difficoltà di movimento, che oltre ai disabili riguardano anche gli anziani e le donne con passeggini”. Senza l’aiuto dei passeggeri, ha sottolineato, l’accesso ai vagoni della metropolitana sarebbe stato completamente interdetto.

E oggi la situazione non sembra essere migliorata. Stando alle informazioni fornite in tempo reale dal sito di Atac la banchina della metro A resta “non accessibile con ascensori”. I guasti agli impianti, inoltre, riguardano decine di stazioni, sia sulla linea A che sulla B.

È inaccettabile quanto accaduto all'interno della stazione Termini dove, a causa dei soliti guasti ad ascensori e scale mobili, i disabili non possono accedere alla metro se non grazie alla solidarietà dei romani”, commenta Laura Corrotti, consigliera regionale della Lega e responsabile del dipartimento regionale politiche sociali e Disabilità del partito.

“A Roma – attacca - chi usa i mezzi di trasporto pubblico viene umiliato con disservizi quotidiani, ma chi ha una disabilità è umiliato due volte”. 

Correlati:

Atto vandalico Metro A Roma, ed è subito blocco della linea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook