02:55 05 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
420
Seguici su

La Presidenza del Congo ha pubblicato un suo comunicato per descrivere come sono stati uccisi l'ambasciatore italiano e il nostro carabiniere di scorta. Le Forze del Fdlr negano di aver compiuto l'azione.

La Presidenza del Congo ha emesso un comunicato ufficiale nel quale spiega che sono stati i rapitori ad uccidere l’ambasciatore italiano Luca Attanasio e l’unico carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci. I due sono stati sparati a bruciapelo ricostruisce la Presidenza del Congo.

“Allertate le Ecoguardie e le Fardc”, scrivono nel comunicato come riportato da RaiNews, le forze governative congolesi “si sono messe alle calcagna del nemico. A 500 metri, i rapitori hanno tirato da distanza ravvicinata sulla guardia del corpo (il carabiniere Iacovacci, ndr), deceduta sul posto, e sull’ambasciatore, ferendolo all’addome”.

  Ambasciatore italiano Luca Attanasio
Ambasciatore italiano Luca Attanasio
Secondo tale ricostruzione l’agonia dell’ambasciatore italiano sarebbe durata un’ora, il quale “è morto per le ferite, un’ora più tardi, all’ospedale della Monusco di Goma”, conclude il comunicato della Presidenza del Congo.

Fdlr nega suo coinvolgimento

Le Forze Democratiche della Liberazione del Ruanda (Fdlr) negano con forza ogni responsabilità su quanto accaduto, lo hanno fatto sapere attraverso un loro comunicato che è stato riportato sui social network.

Fdlr condanna “con forza l’attacco” e respinge “categoricamente” le accuse rivolte da Kinshasa, secondo cui sarebbero loro i responsabili.

Fdlr afferma di chiedere “alle autorità congolesi e a Monusco di far luce sulle responsabilità di questo ignobile assassinio”, scrivono.

Le Forze di liberazione del Ruanda affermano che il tentativo di rapimento finito nel sangue sarebbe avvenuto a poca distanza da pattuglie delle forze armate della Repubblica Democratica del Congo.

“Le Fdlr rivolgono le loro condoglianze ai familiari delle vittime, al governo e al popolo italiano”, si legge ancora nella nota riportata da RaiNews.

L’invio dei Ros in Congo

Intanto dall’Italia risultano essere già partiti gli uomini del Ros dei Carabinieri inviati dalla Procura della Repubblica di Roma che ha aperto un fascicolo per condurre le indagini sulla tragica morte dell’ambasciatore e del carabiniere posto a sua difesa.

Tags:
Repubblica democratica del Congo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook