15:25 05 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
221
Seguici su

Oggi si terrà a Catania la terza udienza preliminare del caso Gregoretti che vede il leader della Lega Salvini accusato di sequestro di persona. All'udienza odierna parteciperanno anche Luigi Di Maio e Luciana Lamorgese, dei quali sono attese le dichiarazioni.

Il leader della Lega Matteo Salvini è arrivato all’aula bunker di Catania per la nuova udienza del processo sul caso Gregoretti che si sta svolgendo davanti il Gup del Tribunale etneo.

"Produrremo nell’udienza preliminare di oggi diversi video e nuova documentazione" ha affermato l'avvocato difensore di Matteo Salvini Daniela Ciancimino prima di entrare in aula. Secondo quanto si apprende dai media locali, si tratterebbe di video di diversi sbarchi e documenti inerenti agli sbarchi.

Sono attese in questa udienza le dichiarazioni di Luigi Di Maio, al tempo dei fatti Ministro del Lavoro, e l'allora prefetto Luciana Lamorgese.

"Spero che si ricordino. Altri non ricordavano. Spero che Di Maio si ricordi e che la Lamorgese racconti quello che successe da quando è entrata in carica. Spero che nessuno cambi atteggiamento per il fatto che la Lega e Salvini potessero essere prima all’opposizione e poi in maggioranza. I fatti sono fatti, la realtà è realtà" ha affermato ieri Salvini da Catania.

All'interno dell'udienza Di Maio sarà chiamato a chiarire se nel luglio 2019 la decisione di non far sbarcare immediatamente i migranti soccorsi dalla Gregoretti fu presa unicamente da Salvini o se fu condivisa dall'intero governo.

Lamorgese, invece, dovrà spiegare se la linea per cui prima del via libera allo sbarco si dovesse assicurare il ricollocamento delle persone salvate nel Mediterraneo fosse rimasta in eredità anche al Conte bis.

A fine gennaio l'ex premier Giuseppe Conte è stato sentito come persona informata dei fatti sul caso della nave Gregoretti.

Il caso Gregoretti

L'episodio riguarda il caso dei 131 migranti salvati il 25 luglio 2019 in due diverse operazioni svolte nelle acque Sar maltesi, che si trovavano a bordo della nave Gregoretti della Guardia Costiera.

I migranti sono stati bloccati per di versi giorni al largo di Augusta per poi sbarcare il 31 luglio seguente, in seguito all'intervento di cinque Paesi e di alcune strutture vescovile che si erano offerti di accoglierli.

Per l'accaduto all'indirizzo dell'allora ministro degli Interni Matteo Salvini fu aperto un fascicolo d'inchiesta per il reato di sequestro di persona.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook