19:20 07 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
0 31
Seguici su

Prosegue l'attività vulcanica dal cratere di Sud Est, che questa mattina si è risvegliato con boati, parossismi e un nuovo trabocco lavico riversato nella Valle del Bove.

L'Etna si è risvegliata venerdì mattina con i violenti boati di una nuova eruzione, la terza in pochi giorni. L'attività vulcanica è stata caratterizzata da intensi parossismi che hanno formato una maestosa colonna di fumo e ceneri, spinta dal vento in  direzione sud, verso la città di Catania. 

L'INGV ha comunicato questa mattina sulle sue pagine ufficiali la formazione di un nuovo trabocco lavico, originato dal cratere di sud est, il più "giovane" ed attivo, che si sta riversando nella Valle del Bove, sul versante orientale del cono vulcanico. L'ampiezza del tremore in aumento ha lasciato presagire i forti parossismi, accompagnati dai boati e dalla pioggia di lapilli, caduta sui centri pedemontani e su Catania. 

​La nuova fase eruttiva dell'Etna è iniziata martedì pomeriggio, con una spettacolare eruzione che ha lasciato a bocca aperta gli abitanti dei paesi alle falde del vulcano. Dal cratere di sud est si è elevata un'imponente colonna di ceneri e lapilli, mentre un fiume di materiale piroclastico si riversava rapidamente nella Valle del Bove, dopo il collasso parziale della bocca di fuoco.

La notte successiva nuovi parossismi e colate hanno risvegliato l'Etna. 

L'INGV ha pubblicato sui social le immagini di quest'ultima eruzione riprese dallo spazio. 

 

Tags:
Catania, eruzione, Etna, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook