21:21 25 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
0 07
Seguici su

La decisione della giunta provinciale per contenere il numero di casi che non riesce a calare nonostante le misure restrittive già adottate.

Negozi chiusi, didattica a distanza e divieto di spostamento dai Comuni per tre settimane. Da lunedì 8 febbraio l'Alto Adige tornerà in lockdown. La stretta mira a ridurre i contatti tra persone, dopo che le misure di contenimento si sono rivelate inefficaci. 

I casi di contagio, infatti, non accennano a diminuire, nonostante l'intensa attività di screening di massa e i tracciamenti effettuati sul territorio per interrompere la catena dei contagi. Registrato inoltre il primo caso di variante inglese. Per questo motivo la giunta provinciale, riunita nella serata di giovedì, ha deciso per l'inasprimento delle misure restrittive. 

In particolare saranno vietati gli spostamenti fuori dal Comune, se non per ragioni di necessità, salute e lavoro, bar e ristoranti resteranno chiusi mentre potranno continuare a lavorare aziende produttive e artigianali a condizione di testare i propri dipendenti e rispettare i protocolli anti-contagio.

Chiuse le scuole di tutti i gradi, che torneranno alla didattica a distanza al 100%, tranne quelle della prima infanzia. Stop alle lezioni in classe per medie e superiori da lunedì 8, mentre le elementari si fermeranno mercoledì 10 per riaprire dopo la settimana di vacanza di Carnevale. 

La stretta impatterà sulla riapertura degli impianti sciistici prevista il 15 febbraio, dopo l'ok del Cts per salvare la stagione invernale delle regioni in zona gialla. 

Restano validi gli altri divieti e limitazioni già in vigore e in alcuni casi è reso obbligatorio l'utilizzo delle mascherine Ffp2. 

Dall'inizio della pandemia l'Alto Adige ha registrato oltre 42.500 casi, 747 nelle ultime 24 ore, e  612 decessi in tutto. 

Tags:
Coronavirus, Bolzano, Alto Adige, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook