17:08 11 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
120
Seguici su

Dal 23 gennaio il Garante della protezione dei dati personali aveva imposto il blocco su TikTok in seguito ai casi di decesso di minori per le challenge social.

TikTok si appresta ad adottare nuove misure al fine di impedire l'accesso alla propria applicazioni ai minori di 13 anni e valuterà l'utilizzo di avanzati sistemi IA per verificare l'età degli utenti.

Inoltre dal 4 febbraio sarà lanciata una campagna di informazione per la sensibilizzazione di figli e genitori ad un uso più consapevole della piattaforma. Essa sarà svolta via web, in TV con la collaborazione di Telefono Azzurro, ma anche sulla carta stampata.

Infine, TikTok si è impegnata a raddoppiare il numero dei moderatori di lingua italiana per i contenuti pubblicati.

E' questa la risposta del noto social network al provvedimento di blocco imposto lo scorso 22 gennaio dal Garante della protezione dei dati personali, il quale ad ogni modo si riserverà la possibilità di verificare l'effettiva efficacia di tali misure.

Come cambia TikTok dal 9 febbraio

Dal prossimo 9 di febbraio, dunque, tutti gli account degli utenti italiani di Tik Tok saranno bloccati e sarà loro richiesto di indicare nuovamente di indicare la data di nascita prima di continuare con l'utilizzo dell'app.

Qualora dovesse essere identificato un utente di età inferiore ai 13 anni, il suo account verrà immediatamente rimosso.

A tutti gli utenti saranno inviate delle notifiche push che informeranno in merito al requisito dell'inserimento dell'età, mentre sono già stati aggiunti banner con dei link che forniscono informazioni sugli strumenti di sicurezza e su come cambiare le impostazioni del profilo da pubblico a privato.

© Sputnik
Una ragazza usa lo smartphone per girare un video

Bufera per le 'sfide social'

Nell'ultimo periodo TikTok è finito nell'occhio del ciclone per le cosiddette challenge, delle sfide estreme create ad hoc da alcuni influencer per aumentare il numero delle proprie visualizzazioni sulla piattaforma.

Tali video, oggetto di imitazione soprattutto da parte di giovani e giovanissimi, sono sfociati in alcune circostanze in vere e proprie tragedie, come nel caso della piccola Antonella Sicomoro, la bimba palermitana di appena 10 anni, morta dopo essersi legata una cintura al collo per partecipare ad una di queste sfide.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook