12:36 02 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
339
Seguici su

L'azienda fiorentina aveva dichiarato il proprio fallimento nello scorso mese di ottobre. Ora sarà possibile acquistare tutta la merce invenduta dei 13 punti vendita italiani a cifre davvero irrisorie.

Oltre 70.000 capi di abbigliamento a marchio Rifle saranno svendute a prezzi davvero irrisori in seguito al fallimento della nota azienda di Barberino del Mugello, avvenuto nell'ottobre del 202.

Per la cifra di 2 o 3 euro a capo sarà possibile portarsi a casa jeans, felpe o camicie griffate Rifle rimaste invendute e che sono state recuperate dai 13 negozi dell'impresa e che saranno ora messi in vendita dall'Istituto Vendite giudiziarie (Isveg).

La svendita, che dovrebbe tenersi nel mese di marzo, potrebbe luogo in un outlet temporaneo che sarà allestito proprio nella sede storica dell'azienda in Mugello, mentre una parte della merce è già stata piazzata sul mercato con la vendita online per i grossisti.

Il tutto dovrà ovviamente svolgersi in accordo con le misure anti-assembramento previste dai Dpcm nazionali e ulteriori dettagli saranno comunicati dalla stessa Isveg nei prossimi giorni.

La storia di Rifle

La Rifle era una delle aziende storiche del comparto abbigliamento italiano. essendo stata una delle prime a produrre jeans nel Belpaese e una delle uniche a riuscire ad esportare i propri prodotti con successo anche negli Stati Uniti d'America.

Creato nel 1958 per iniziativa dei fratelli Giulio e Fiorenzo Fratini, il brand Rifle negli anni si distinse come uno dei simboli della qualità italiana nel settore e arrivò a cavallo tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta ad ottenere un grandissimo successo a livello di distribuzione.

Nonostante gli importanti investimenti e il subentro di fondi esteri a partire dal 2017, l'azienda non ce l'ha fatta e nell'ottobre dello scorso anno ha annunciato il fallimento.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook