15:31 05 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il presidente dell'Iss Brusaferro spiega i nuovi dati del monitoraggio epidemiologico settimanale. Il quadro migliora, ma la curva resta in una fase delicata: continuare a lavare mani e usare mascherina.

Il quadro epidemiologico è in miglioramento in Italia, lo dice il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa settimanale in cui vengono presentati i dati del monitoraggio elaborati dalla Cabina di regia Stato-Regioni.

Curva in miglioramento ma la pandemia non è conclusa, anzi, restiamo in una fase considerata “delicata”. Per cui il rispetto delle regole anti contagio resta l’unica via per mantenere bassi i contagi e i morti.

L’Italia rispetto al resto dell’Europa sta messa meglio degli altri, in alcuni paesi europei si presentano invece “elementi di instabilità” che invece da noi non si rilevano, fa notare Brusaferro.

Brusaferro spiega che la situazione epidemiologica migliora su quasi tutto il territorio nazionale, ma non è così a Bolzano dove la situazione resta ad un livello di attenzione superiore. Qui va sottolineato che il governo locale ha deciso di applicare regole anche meno stringenti della zona gialla, e ciò nonostante sia stata collocata in zona rossa dal ministro della Salute.

Come sta l’Rt italiano?

L’Rt, ovvero il coefficiente che valuta la diffusione del virus, è sotto 1 a livello nazionale. Ciò significa che ogni infetto è in grado di contagiare meno di un’altra persona.

Ciò che resta alto è il valore dell’incidenza della pandemia, purtroppo ancora sopra i 50 casi ogni 100 mila abitanti.

I dati dell’Italia

I casi di nuovi positivi segnalati ieri sono 13.574, diminuiscono gli attualmente positivi (-6.793) ed aumentano i guariti di ulteriori 19.879 unità. Resta alto il numero di morti: 477.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, al netto delle difficoltà di approvvigionamento il numero di somministrazioni è salito a 1.794.630. Sono invece 465.998 coloro i quali hanno ricevuto anche la seconda dose e possono quindi dirsi vaccinati.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook