21:05 25 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
6116
Seguici su

Il coronavirus in Italia circolerebbe ben più di quanto affermano i numeri ufficiali, a scriverlo l'intelligence italiana che avrebbe consegnato un dossier dettaglio al presidente Conte.

Secondo il rapporto stilato dai servizi segreti italiani sull’andamento della pandemia da Covid-19 in Italia, e finito sul tavolo del presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte, il numero dei contagi realisticamente è del 40-50% più alto dei dati ufficiali raccolti dal monitoraggio giornaliero dell’Istituto superiore di sanità (Iss), a cui il governo aveva affidato il monitoraggio dell’epidemia (l’Iss effettua il monitoraggio di tutte le epidemie, ndr).

A rilanciare la notizia è il quotidiano La Repubblica che avrebbe avuto accesso al dossier, in cui si leggerebbe che “Il totale dei contagi è sottostimato a causa del calo del numero dei tamponi avvenuto a metà novembre 2020”.

Gli analisti dell’intelligence italiana lanciano quindi un doppio alert. Il primo riguarda la curva epidemiologica che non sta piegando come i numeri ufficiali lascerebbero intendere, il secondo alert riguarderebbe proprio i numeri che sono considerati inattendibili e non utili per prendere decisioni adeguate sul contenimento del Coronavirus.

Ripresa non rilevata dai dati ufficiali

Secondo gli 007 italiani, “osservando le terapie intensive nella parte finale dell’anno, si può notare che vi è stata una fase di ripresa dell’epidemia verso la metà di dicembre”, tale ripresa, sempre secondo quanto avrebbero scritto i servizi segreti italiani, “non è stata rilevata né tracciata dai numeri nazionali a causa dei pochi test effettuati in quel periodo”.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook