03:03 05 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
0 70
Seguici su

I sindacati USB e OSA e la onlus Rete Iside chiedono il sequestro preventivo delle mascherine prodotte da FCA e distribuite ai ragazzi delle scuole e nelle aziende, dopo una analisi certificata di filtrazione su alcuni lotti.

FCA Italy è stata denunciata per presunta frode alle forniture scolastiche. I sindacati USB e OSA e la Rete Iside Onlus chiedono alla Procura della Repubblica di Roma e alla Corte dei Conti di accertare la corrispondenza dei lotti di mascherine forniti dall'azienda con i parametri stabiliti dal Dpcm del 17 marzo 2020. Lo si legge in un comunicato congiunto. 

In particolare si denuncia un potere filtrante delle mascherine fornite da FCA a scuole ed aziende, dopo l'ok ottenuto la scorsa estate dal commissario Arcuri, ritenuto inferiore ai parametri stabiliti. Due lotti, uno pediatrico e uno destinato ad adulti, sono stati sottoposti ad una analisi di Archa srl, società accreditata da Accredia, per verificarne la conformità del potere filtrante agli standard definiti dalle norme.

"Le analisi dicono che le mascherine pediatriche hanno un potere filtrante dell’83-86% (invece del 98% previsto dalla norma); le mascherine per adulti un potere filtrante dell’89-90% (invece del 98%).

Nell'esposto, presentato dagli avvocati Carlo Guglielmi e Arturo Salerni, si chieda alla magistratura “di verificare l’esistenza del reato di frode in pubbliche forniture e più in generale di pericolo per la salute pubblica, indicando inoltre la possibilità che si sia concretizzato un danno erariale” a fronte dell’elevata produzione degli impianti Fca pari a 11 milioni di mascherine al giorno, circa il 70% del fabbisogno delle scuole italiane. 

I sindacati chiedono il sequestro preventivo dei lotti al fine di "garantire l’incolumità di cittadini e lavoratori". 

Tags:
Fca (Fiat Chrisler Automobile), Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook