02:51 28 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
51012
Seguici su

Il capo della diplomazia italiana chiederà oggi al consiglio degli Esteri Ue di assumere un impegno per chiedere al Cairo la verità sull'omicidio del ricercatore italiano.

A 5 anni dalla sparizione di Giulio Regeni, la verità sul brutale assassinio del ricercatore friulano è ancora lontana. Il 25 gennaio 2015 Regeni inviava il suo ultimo messaggio alla fidanzata, prima di sparire. Il suo corpo sarà ritrovato il 3 febbraio in un fosso dell'autostrada tra il Cairo e Alessandria. Nell'anniversario della sua sparizione, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio chiederà alla Ue di intervenire per la verità e la giustizia per Giulio Regeni. 

Nell'agenda del consiglio dei ministri degli Esteri Ue di questo lunedì ci sarà l'Egitto e le violazioni dei diritti umani. Il capo della diplomazia italiana chiederà ai suoi omologhi dei passi avanti nei confronti dell'Egitto. Ma quello di oggi sarà un vertice senza delibere. A dieci anni dall'esplosione delle rivolte che hanno portato alla fine del regime di Mubarak si parlerà dei diritti umani in Egitto sotto il governo di Al Sisi, del caso Regeni come di quello Zaki, da quasi un anno in una prigione egiziana senza processo, ma non verranno adottate azioni concrete. 

In particolare la famiglia del ricercatore friulano chiede lo stop delle esportazioni di armi al Cairo. Una misura del genere, se adottata a livello europeo, avrebbe delle conseguenze non solo sull'Italia, ma anche su altri Paesi, come ad esempio la Francia. 

L'Alto rappresentante dell'Unione europea, Josep Borrell, intervenendo durante la riunione dei ministri europei, ha definito brutale l'assassinio di Regeni e ha espresso solidarietà la famiglia nella richiesta di fare piena luce sul brutale omicidio, sottolineando come questa questione sia grave non solo per l'Italia ma per tutta l'Unione. Lo riferisce Ansa citando fonti di Bruxelles. 

Il messaggio di Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato il giovane ricercatore e rinnovato nel giorno di memoria sentimenti di vicinanza e solidarietà ai genitori di Giulio Regeni. 

"Sono trascorsi cinque anni dal rapimento a Il Cairo di Giulio Regeni, poi torturato e barbaramente ucciso dai suoi spietati aguzzini. Un giovane italiano, impegnato nel completare il percorso di studi, ha visto crudelmente strappati i propri progetti di vita con una tale ferocia da infliggere una ferita assai profonda nell’animo di tutti gli italiani", scrive in un comunicato ufficiale il Colle. 

Il capo di Stato ha ricordato la battaglia  della famiglia Regeni "per ottenere la verità, per chiedere che vengano ricostruite le responsabilità e affermare così quel principio di giustizia che costituisce principio fondamentale di ogni convivenza umana e diritto inalienabile di ogni persona".

Nel "doloroso anniversario" ha rinnovato all'Unione Europea la richiesta per un "impegno responsabile", "comune e convergente" per giungere alla verità, "unanimemente atteso dai familiari, dalle istituzioni della Repubblica, dalla intera opinione pubblica europea".

 

Tags:
UE, Egitto, Omicidio di Giulio Regeni, Giulio Regeni, Luigi Di Maio, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook