03:16 28 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
Di
0 11
Seguici su

Grazie al progetto di digitalizzazione e riproduzione portato avanti dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università di Firenze ed Hexagon, una copia fedelissima del David di Michelangelo volerà a Dubai per rappresentare il genio italiano all'Expo.

Fino a qualche anno fa un'impresa del genere sarebbe stata impensabile. Oggi, invece, ci sono volute soltanto 40 ore per acquisire tramite sensori e algoritmi la nuvola di punti che permetterà di ricostruire in 3D il David di Michelangelo.

La più accurata e sofisticata riproduzione del capolavoro rinascimentale mai realizzata, che prenderà il volo per Dubai, dove sarà esposta nel padiglione italiano dell’Expo 2020, al via il prossimo ottobre negli Emirati.

Un progetto senza precedenti, quello della creazione con tecniche additive di un “gemello digitale” di uno dei maggiori protagonisti dell’arte italiana di tutti i tempi, che sta coinvolgendo scienziati, tecnici, curatori, artigiani, docenti e studenti universitari sotto l’egida del Ministero dei Beni Culturali e Turismo e del Commissariato italiano per Expo 2020 Dubai.

La digitalizzazione, come si legge in una nota del Commissariato Generale dell’Italia per Expo 2020 Dubai, è curata dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università di Firenze in collaborazione con i tecnici di Hexagon Italia, multinazionale svedese che opera nel settore dei sensori, dei software e delle soluzioni autonome.

Così la memoria storica si fonde con l’innovazione e la tecnologia all’avanguardia, con il risultato di permettere a chi visiterà l’esposizione di ammirare la copia dell’opera d’arte simbolo del genio italiano all’interno del padiglione progettato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto, F&M Ingegneria e dal curatore artistico Davide Rampello.

Non solo. A Dubai arriverà anche un video che mostrerà come è stato possibile realizzare il gemello del David.

Cecilie Hollberg, Direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze, dove la celebre statua è conservata, ha sottolineato l’importanza della digitalizzazione dell’opera.

“Ci permette di acquisire nuove informazioni sulla scultura michelangiolesca, aggiornando i dati rilevati circa vent’anni fa”, ha detto. “Si tratta di un passaggio fondamentale – ha aggiunto - sia per ulteriori studi futuri che per la ricerca, sia per simulazioni di vario tipo che per la conservazione, consentendoci così di essere al passo con i tempi”.

La digitalizzazione della statua permetterà di creare “un archivio di dati digitali e tridimensionali” e  “incrementare i già numerosi studi scientifici finalizzati alla valutazione del suo stato di conservazione materico e strutturale”.

In attesa di vedere quale sarà il risultato finale, l’impresa sta suscitando curiosità in tutto il mondo. Il progetto che sta andando avanti alla Galleria dell’Accademia si è meritato la prima pagina del New York Times. A raccontare il percorso da Firenze a Dubai del gemello del David, oltre ai principali media nazionali, sono stati, tra gli altri, anche la Bbc, Le Figaro, La Vanguardia, la Cbs e RIA Novosti.

Il corrispondente in Italia dell’agenzia di stampa moscovita, Sergey Startsev ha dedicato un ampio servizio al lavoro che si è svolto in questi mesi, raccontando nei dettagli il processo di raccolta e verifica dei dati che porterà alla “stampa” della riproduzione più accurata e dettagliata dell’opera mai realizzata sinora.

"La stessa figura di David, che va a combattere senza paura con il gigante Golia nella lotta per una giusta causa, personifica il coraggio e la speranza”, ha detto la direttrice Hollberg al corrispondente di RIA Novosti. “Questo – aggiunto - è esattamente ciò di cui tutti abbiamo bisogno in questi tempi difficili”.

L’appuntamento, quindi, è al prossimo autunno, quando la statua alta 5 metri, realizzata con una tecnologia avveniristica, farà il suo ingresso tra i grattacieli di Dubai.

Correlati:

Infrastrutture: EAU puntano sviluppo trasporti, 481 progetti avviati per Expo Dubai 2020
Manca un anno all' EXPO 2020 di Dubai: presentato a Matera il padiglione italiano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook